Indipendenza – Javier Cercas

Trama

Come smascherare coloro che esercitano il potere nell’ombra? Come vendicarsi di chi ti ha inferto le ferite più sanguinose e umilianti? Ritroviamo in questo nuovo romanzo Melchor Marín, il poliziotto appassionato di libri protagonista di Terra Alta. Ad alcuni anni di distanza dalla morte dell’amatissima moglie Olga, torna insieme alla figlia Cosette nella sua Barcellona, dove dovrà affrontare l’indagine più spinosa e difficile: qualcuno infatti tiene sotto ricatto la sindaca della città, utilizzando un video hard che risale a molto tempo prima. Ancora segnato dal profondo dolore per non aver trovato gli assassini di sua madre, ma sempre guidato dalla sua rigorosa integrità morale, Melchor dovrà capire se il ricatto faccia parte di un progetto più articolato di destabilizzazione politica. E questo lo costringerà a entrare nelle stanze del potere, dove regnano il cinismo, l’ambizione sfrenata e la corruzione. Javier Cercas racconta il nostro presente attraverso un giallo teso, popolato da personaggi emblematici, delineando un ritratto spietato delle élite politico-economiche che governano il mondo. E soprattutto porta a una conclusione la vicenda personale di un uomo giusto, che senza volerlo si è conquistato la fama di eroe, e che cerca di ristabilire una giustizia forse impossibile, muovendosi lungo il crinale sottile tra legge e vendetta.

Recensione a cura di Manuela Baldi

Terra Alta il libro precedente di Javier Cercas, è fra i primi che ho recensito per Giallo e Cucina ho amato i luoghi descritti e il protagonista, Melchor Marín, mi era molto piaciuto. Pochi giorni fa, ho ricevuto in regalo “Indipendenza”, seconda avventura con lo stesso protagonista. L’avevo letto, appena disponibile in biblioteca, perché affascinata dal primo libro. Avevo scelto di non recensirlo perché preferisco proporre sempre autori/aurici diversi per le mie recensioni. Complice il regalo, inaspettato ma molto gradito, che ho preso come un segno del destino, ecco qui la recensione.

Melchor Marín, è un “eroe” imperfetto, timido e delicato in alcuni casi e picchiatore senza pietà in altri,  ma non pensate che il libro sia incentrato su di lui, la trama e gli incastri sapienti che Javier Cercas ci racconta sono avvincenti. Confesso di provare una sorta di complicità con il protagonista. Il romanzo inizia subito con un’azione al di fuori della legge che ci racconta bene chi è Marín.

La storia vera e propria prende l’avvio perché l’ex capo di Melchor, Blai, chiede il suo intervento per scoprire chi stia tentando un’estorsione ai danni della sindaca di Barcellona. Attenzione, le vicende descritte nel libro si svolgono nel 2025, quindi ogni riferimento al presente è “casuale”.  Javier Cercas ci descrive il potere economico, i potenti di turno, i sommovimenti politici che scuotono la Catalogna partendo da fatti conosciuti. Si legge del movimento sovranista, del “proces”, ma non temete, queste situazioni non prendono il sopravvento sulla storia, ne costituiscono lo sfondo. Risulta chiaro che a chi detiene il potere, l’indipendenza che interessa è solo quella che permette di mantenere inalterato il proprio potere. Oltre a Melchor Marín, è importante la figura di Ricky Ramírez, l’antieroe della storia. Figlio di un sindacalista, compagno di università, l’Esade, dei potenti che a vario titolo entreranno nella storia. A causa di un guaio giudiziario del padre, Ricky si troverà in poco tempo ad essere un appestato, il  povero diavolo perdente, usato fino a quando fa comodo e poi disprezzato. Altra particolarità in questo romanzo: un bellissimo gioco di specchi che ricorda il Don Chisciotte;  Melchor Marín viene informato di essere il protagonista di un libro: …”Le avranno già detto del romanzo, no? … Il romanzo, quale romanzo? Quello che parla di lei… Terra Alta, si intitola. L’autore si chiama Javier Cercas.”  Nel libro ci sono vari riferimenti a libri e autori, perché Melchor ha una passione per la lettura, ha ripreso gli studi perché vorrebbe diventare bibliotecario. I piani narrativi sono due, la narrazione della vicenda personale di Melchor e l’altro legato all’indagine. La vicenda che riguarda la madre assassinata trova una risposta, ma c’è spazio per continuare a raccontare, l’indagine si conclude, mettendo in luce le capacità investigative di Melchor. In questo libro ci sono intrigo, vicende personali, una severa riflessione sulla situazione politica catalana, la descrizione continua della sottile linea fra verità e bugie. Cercas fa un lavoro di scrittura molto fine per portare tutti questi filoni all’epilogo e a mio parere ci è riuscito.  Raccomando di leggere i libri in sequenza, per chi ha letto il primo questo è un ulteriore passo nella conoscenza di Melchor Marín, piacerà a chi ama le indagini deduttive, a chi cerca anche temi sociali, a chi chiuso il libro ama riflettere.

Dettagli

  • Genere: Noir
  • Copertina flessibile: ‎ 416  pagine
  • Editore: Guanda (29 aprile 2021)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8823528453
  • ISBN-13: 978- 8823528451

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.