Il mistero di San Giacomo. Una nuova indagine di Sperinelli e Mancini – Fiorenza Giorgi, Irene Schiavetta

Trama

La chiesa di San Giacomo è stata finalmente restaurata e restituita alla città di Savona, dopo secoli di abbandono. Ma nel corso dei lavori si scopre un raccapricciante segreto: i cadaveri di una donna e di un neonato. Solo una medaglietta al collo della poveretta e il suo orologio da polso potranno consentire agli inquirenti, grazie all’aiuto dei cittadini, di ricostruire la vicenda e dare un nome alle misteriose mummie. Toccherà a Ludovica Sperinelli, Pubblico Ministero savonese, svelare il mistero e scoprire il legame tra il ritrovamento e l’inspiegabile, crudele omicidio di un anziano invalido. Non sarà sola in questa impresa: avrà al suo fianco il Maggiore Duccio Pratesi, uomo galante, esperto d’arte, e l’immancabile maresciallo Francesco Mancini, che collaborerà alle indagini, questa volta, un po’ distratto da un’avventura che gli farà battere il cuore. Verrà alla luce una vicenda di amore, viltà, disperazione e vendetta, disegnata a tratti vividi sullo sfondo di una Savona rivisitata.

  Continua a leggere

Annunci

Ombre di vetro. Bologna non muore mai – Fabio Mundadori

Trama

Qualcosa di regalato. Qualcosa di smarrito. Qualcosa che non verrà mai restituito.

  1. In una Bologna ancora segnata dalle stragi, un killer seriale sfida la polizia e il giovane ispettore Naldi, uccidendo secondo il proprio feroce rituale.

Oggi. Mammana è tornato. O forse no. Toccherà di nuovo a Cesare Naldi indagare, fino a dipanare un rebus dalla soluzione raccapricciante.

Continua a leggere

Omicidio alla Statale – Luigi Vergallo

Trama

La professoressa Eleonora Mais viene uccisa nel suo ufficio all’Università Statale di Milano. Da subito si conosce il colpevole, ma non il movente. A questo quesito il lettore troverà risposta leggendo il resoconto, in prima persona, di El Tiburon (Lo Squalo), protagonista di questo noir metropolitano ambientato prevalentemente nel capoluogo lombardo. El Tiburón, nato e cresciuto a Barcellona, trascorre l’infanzia circondato dall’affetto delle sue due madri adottive e del suo amico Primo, un misterioso italiano giunto in Spagna negli ultimi anni del franchismo, che gli insegna la lingua e la cultura italiane, ma soprattutto gli insegna a rubare, a nascondersi, a usare le armi e le arti marziali. Il giorno del diciottesimo compleanno il ragazzo scopre alcune delle verità sul suo passato, che fino a quel momento gli erano state taciute. Scopre inoltre che Primo lo ha iscritto all’Università, e più esattamente a un corso di laurea in Storia alla Statale di Milano, in Italia. Da quel momento la vita del ragazzo è stravolta. A Milano prende contatto con alcuni vecchi amici di Primo e trova un lavoro (illegale) nel cuore del Ticinese – l’antico quartiere del suo mentore – dove col tempo inizia a ricomporre e a risolvere gli antichi misteri legati ai suoi genitori. Tuttavia, il nuovo lavoro e la frequentazione dell’università lo porteranno ad affrontare situazioni pericolose. I personaggi e i quartieri milanesi sono descritti dall’autore con sapiente abilità, e le atmosfere meneghine sono anch’esse protagoniste del romanzo di Vergallo.

Continua a leggere

La ragazza sbagliata – Giampaolo Simi

Trama

«Giro pagina e scrivo il suo nome. Nora Beckford. E subito sotto “Sensi di colpa: nessuno”. Lo sottolineo due volte, e buco quasi la carta. Nessuno». Ma il tarlo del dubbio si insinua in Dario Corbo, giornalista di successo caduto in disgrazia, e lo spinge a ripercorrere una vecchia storia. Ventitré anni prima c’è stato un omicidio brutale: una diciottenne, uccisa seviziata e abbandonata in un dirupo sulle colline della Versilia. Irene ha appena terminato l’esame di maturità, è una studentessa modello, un esempio per i compagni e una sicurezza per i genitori. A essere incolpata di un orrore che ha fatto rabbrividire un’intera comunità sarà, dopo una lunga vicenda giudiziaria, Nora Beckford. Ventenne figlia di un famoso scultore inglese trapiantato in quella striscia di lusso in Toscana, di lei si era indagato ogni tratto. Il carattere, l’uso di droghe, la passione, la gelosia. Sulla condanna successiva erano stati determinanti non solo le prove ma gli articoli infiammati di un giovane giornalista, Dario Corbo. Proprio lui che oggi, a vent’anni di distanza, è incaricato di un libro a sensazione su quel delitto. E indeciso, ma il lavoro è ben pagato e poi lo incoraggia ambiguamente a dedicarvisi un magistrato d’assalto, che gli facilita l’accesso a incartamenti e perfino a indizi tralasciati. Ma è soprattutto l’incontro fortuito con Nora Beckford, l’assassina da poco uscita di galera, che lo porta a inoltrarsi in una selva di piste trascurate e inattesi ritrovamenti su uno sfondo che si staglia inquietante. Chi è Nora? Come può dirsi incapace di ricordare perfino una singola istantanea di quella ferocia? Cosa si è insinuato in lei, cosa è successo intorno a lei? Quali oscuri segreti della storia criminale italiana l’hanno avvinghiata? Ben più del mistero di un delitto, è l’enigma di una donna a incombere su Dario Corbo. A imprigionarlo tra la ricerca della verità e la forza della passione. Ed è questa prigionia e la faticosa liberazione da essa ciò che Giampaolo Simi racconta.

Continua a leggere

Prosecco connection – Fulvio Luna Romero

Trama

Carlo Caccia è un investigatore privato e si trova a dover affrontare dei casi fin troppo inquietanti in una terra a lui sconosciuta, dove la criminalità organizzata si è impadronita del nord-est dell’Italia, corrompendo politici e imprenditori.

Un fascicolo prezioso e riservato, che promette fuochi d’artificio e riguarda la costruzione di quel grande sistema di dighe mobili che prende il nome di Mose, è nelle mani del libero professionista Marcello Zuliani di Treviso, un noto faccendiere chiamato ”il trafficone”, che si va a schiantare con la sua auto contro un casello della a 4. Come si spiega questo strano incidente?

Questa sarà una delle prime morti accidentali a cui la polizia o meglio Carlo Caccia dovrà dare più di una spiegazione.

L’investigatore privato viene chiamato in causa da un certo signor Matteo Lovato che gli affida un incarico apparentemente molto semplice: un tale Andrea Massarin gli ha acquistato della merce per un valore di trentamila euro e da quel momento se ne sono perse le tracce.

Così l’investigatore privato e il suo fedele amico Zottarelli  dovranno trovare al più presto l’uomo scomparso, ma giunti presso la sua abitazione faranno un’inaspettata scoperta, perché troveranno il Massarin ormai morto. Al momento del rinvenimento del cadavere giunge in loco la polizia e a farne le spese maggiori sarà proprio il fedele amico Zottarelli che aveva un conto in sospeso con la vittima.

Come mai la polizia era al corrente del loro sopralluogo nella casa di Massarin? I due amici di lunga data sono caduti in una trappola? Per l’investigatore privato si prospetteranno tempi difficili, dovrà dimostrare l’innocenza del suo amico e in più dovrà scoprire cosa c’è dietro queste due morti sospette.

  Continua a leggere

Il sole era freddo: Torino 1972, il commissario Lemonier indaga – Roberto Gandus

Trama

Il quotidiano Torinese “La Stampa” del 26 febbraio del 1972 riportava il seguente titolo riguardante un caso di cronaca nera: “UN TRAVESTITO TROVATO UCCISO FRA I ROVI DEL CIMITERO”.

Per tentare di districare uno dei fatti più tortuosi, quanto morbosi, della cronaca nera non solo di quel periodo, occorre risalire a circa un mese prima, quando sulla riva del Po viene trovato il cadavere di un giovane di 18 anni con la testa affondata nel fiume.
Cosa sta accadendo nel cupo e bigio capoluogo piemontese?
Ad indagare su questi due casi scottanti è chiamato in causa il commissario Lemonier che deve scoprire cosa si nasconde dietro questi delitti, soprattutto quello del giovane Domenico Ferrero, figlio del proprietario del ristorante San Giors.

Continua a leggere

Il giorno degli orchi – Divier Nelli

Trama

Un paese sui colli fiorentini, ai giorni nostri. Aurora è una ragazzina bella e sfrontata, consapevole fin dalla prima adolescenza del suo fascino e di come sia possibile utilizzarlo per sedurre compagni e uomini adulti aumentando il proprio potere nel gruppo, senza mai concedersi. Con due amici organizza piccoli furti nelle classi del suo liceo e nei negozi per avere denaro da spendere in feste e oggetti preziosi. Ma i soldi non le bastano mai e Aurora ha la brillante idea di adescare, con falsi account e false foto, i pedofili in rete, per poi ricattarli. Un gioco perverso che però sembra funzionare. Aurora è avida, moltiplica gli account. Nella vita ha altre aspirazioni che fare la commercialista come suo padre. Vuole lavorare nel mondo del cinema o della tv, diventare ricca e guardare dall’alto tutto e tutti. Finché un giorno un Orco risale alla sua vera identità e comincia a minacciarla…

Continua a leggere