DOP ON THE ROAD by Dolcepentolina : Il Piemonte

Il Piemonte è una regione ricca di prodotti gastronomici di prestigio. Una vera vocazione per la buona tavola e il cibo di qualità. Non è un caso che la sede di Slow Food abbia sede a Bra (CN)

I formaggi sono il fiore all’occhiello: Castelmagno, Bra, Gorgonzola, Raschera, Robiola di Roccaverano, Toma di Celle.

Poi abbiamo l’asparago di Pairino, il peperone di Carmagnola, il lardo avorio di Isola d’Asti. Non mancano erbe officinali, frutta come le castagne delle valli cuneesi, le ciliegie di Pecetto, le mele del Monferrato, le susine del saluzzese.

Farine di alta qualità, specialità come la lingua di bovino cotta, lumache di montagna (Borgo San Dalmazzo), mortadella di fegato cotta e cruda, salami d’oca o di cavallo. Violini di capra, trippa.

Vini e dolci non si sottraggono partendo dai mustaccioli, Krumiri, canestrelli, Bonet, gianduiotti, marron glacè.

Tra i liquori la grappa di Moncenisio, i rosoli, i condimenti sublimi come mostarda, gelatine di vino, Bagna Cauda, composte di vini e affini.

  Continua a leggere

L’angolo di Dolcepentolina

Timballo di ziti al ragù di faraona

per 4 persone

  • 500 gr di ziti
  • 2 cosce di faraona
  • 150 gr di prosciutto cotto
  • 4 fette di pancetta
  • 60 gr di provolone grattugiato
  • 150 gr di grana padano
  • 1 uovo
  • 5 dl di latte
  • 200 gr di champignon
  • 120 gr di pane casereccio
  • 150 gr di pomodorini
  • 50 gr di farina
  • 1 cipolla, rosmarino, 50 gr di burro, olio, sale, pepe, 1 bicchiere di vino bianco, cannella

Continua a leggere

L’angolo di Dolcepentolina

Involtini di verza ripieni di riso, salsiccia e scamorza

per 4 persone

  • 12 foglie di verza
  • 150 gr di riso Carnaroli
  • 200 gr di salsiccia
  • 150 gr di scamorza
  • 1 porro, ½ bicchiere di vino bianco secco, olio EVO, brodo vegetale, sale, pepe
  • Parmigiano reggiano fresco.

Tritare il porro e farlo appassire in una casseruola con l’olio. Unire la salsiccia privata del budello,sgranarla e lasciarla rosolare. Aggiungere il riso, farlo tostare per 3 minuti quindi sfumare con il vino e lasciar evaporare. Portare il riso in cottura unendo il brodo poco alla volta. Regolare di sale e pepe, spegnere e lasciare intiepidire unendo la scamorza a dadini.

Prendere le foglia di verza, eliminare la venatura centrale e sbiancarla in acqua bollente salata. Scolarla e farla raffreddare in acqua e ghiaccio. Tamponare le foglie e mettervi al centro il risotto (circa 2 cucchiai), arrotolare l’involtino e chiuderlo a pacchetto piegando i lembi sotto la superficie. Disporre tutti gli involtini affiancati e unti d’olio in una pirofila. Spolverizzare con il parmigiano e cuocere per 5 minuti in forno in modalità grill a 200°.

Continua a leggere