Ultimo tango all’Ortica – Rosa Teruzzi

9788845400612_0_221_0_75.jpg

 

Recensione a cura di Achille Maccapani

Giunto al quarto episodio del ciclo seriale della ‘fioraia di Giambellino”, “Ultimo tango all’Ortica” si contraddistingue per la riconferma del disegno narrativo complessivo sviluppato da Rosa Teruzzi, finalizzato a raccontare la Milano contemporanea, nel segno di un giro di pagina decisivo tra le origini di tradizione meneghina e gli squarci di uno sviluppo sempre più internazionale e multietnico.

Una Milano profondamente diversa, rispetto a quella della quadrilogia incompiuta di Duca Lamberti, ma non per questo meno affascinante, e per più ragioni. Forgiata dal sommo maestro Giorgio Scerbanenco negli ultimi anni della sua esistenza terrena.

Anzitutto va posta in rilievo l’angolazione narrativa (in terza persona) volutamente al femminile, e che vede coinvolta la figura di Libera Cairati (toh, un cognome non casuale: un probabile omaggio a Sveva Casati Modignani – il suo vero cognome è proprio quello della fioraia –, doverosamente ricambiato con la frase di lancio firmata e ben riportata in copertina), titolare di un negozio di fiori, madre attualmente single di una poliziotta alle prese con le indagini di cronaca nera.

L’attività investigativa sviluppata dalla fioraia e dal suo gruppo di amiche solidali e un po’ pazzerelle, si svolge in parallelo con quella delle forze dell’ordine, ma con una cifra particolare, con racconti, verifiche, ricostruzioni fatte alla buona, e con una capacità analitica che va oltre i metodi scientifici in perfetto stile “Cold Case”, e che invece si pone in continuità con i vecchi, tradizionali e intramontabili metodi investigativi basati sull’intelligenza e una buona dose di fiuto.

In realtà, la struttura del giallo, che si dipana attraverso un delitto consumato ai margini di un tradizionale evento da ballo in un locale pubblico all’Ortica, rappresenta lo scenario dell’ambiente delle periferie milanesi con tutte le sue inquietudini quotidiane, i chiaroscuri, le ambiguità tenute ben celate il più possibile. Uomini e donne maturi alle prese con la ricerca di un momento di svago e di nuovi capitoli esistenziali, a breve e medio termine, finalizzati a combattere la solitudine urbana a malapena lenita dal vorticoso ritmo milanese (“Chi va piano non è di Milano”).

Ed è proprio questo humus territoriale composto dalla città meneghina, alla provincia brianzola, fino ai confini con la Svizzera, a rappresentare lo scenario di questo macrocosmo contemporaneo all’interno del quale si dispiegano le avventure della fioraia e delle sue amiche investigatrici, smaliziate quanto basta, e capaci di riuscire a raggiungere con la sola analisi intuitiva, e qualche colpo di fortuna propizio (anche con la collaborazione del quotidiano del pomeriggio “La Città”, forse un omaggio indiretto dell’autrice a ciò che rappresentò per Milano e i milanesi nei decenni scorsi della vita reale il quotidiano “La Notte”), la tanto agognata soluzione del caso.

Uno scenario, questo, arricchito dalla profonda conoscenza del territorio, dei suoi elementi umani e sociologici, frutto evidente dell’esperienza giornalistica dell’autrice, impegnata a tutto campo in una trasmissione tv di cronaca giudiziaria (“Quarto grado”), e che ci fa pensare ad un parallelismo a distanza con quel contesto da cui attingeva a piene mani il già citato Scerbanenco, alle prese ogni giorno con i fatti di cronaca nera, con la quotidianità dei crimini a Milano, e da cui traeva spunto per la mole impressionante di romanzi e racconti neri.

Rosa Teruzzi sviluppa dunque un percorso analogo a quello svolto a suo tempo da Scerbanenco, ma con un’ottica differente, coerente con l’epoca vissuta di questi ultimi anni, soprattutto al femminile, e non nasconde il suo umile e, nel contempo, determinato obiettivo di disegnare un quadro credibile e realistico della città di Milano e del suo hinterland di questi ultimi anni. Un impegno portato avanti con uno stile e una capacità descrittiva tale da lasciarmi piacevolmente stupito, sia per la gestione dei percorsi narrativi, sia per quella delle informazioni disseminate e collegate tra loro, sia infine per la qualità della struttura complessiva, dalla quale emerge un attento lavoro di preventiva progettazione antecedente la stesura di questo romanzo.

Denso come le gemme che compongono un diamante, “Ultimo tango all’Ortica” si segnala pertanto per le qualità sopra esposte e per i valori di testimonianza di una città in continuo movimento: ma sono proprio questi i requisiti di un buon romanzo noir, che sia in grado di coinvolgerci, intrattenerci e nel contempo i raccontarci un territorio, con tutti i suoi pregi e difetti, nella maniera più veritiera possibile. Perché è vero che il noir è un prodotto di finzione: ma non è forse vero che, dietro queste fantasie, si nascondono le più sconvolgenti verità che non saremmo in grado di ammettere nemmeno di fronte al migliore dei nostri amici? Ebbene, “Ultimo tango all’Ortica” ce lo dimostra fino in fondo.

Trama

È una sera umida di fine agosto, nella periferia di Milano. Sotto le luci intermittenti della balera dell’Ortica, tutti gli sguardi sono puntati sul corpo sinuoso di Katy, che danza un tango allacciata al suo cavaliere e che poi, appena la musica finisce, fugge via. Quella notte, fuori dal locale, viene trovato il cadavere di un giovane uomo, assassinato a colpi di pistola: era un ex di Katy, geloso e molesto, che la pedinava e la perseguitava. Chi l’ha ucciso? Forse la stessa Katy? Forse un altro spasimante? Per il delitto, la polizia arresta in realtà un personaggio insospettabile, il maggiordomo di una dama dell’alta società milanese. Le prove contro quell’uomo taciturno e devoto paiono schiaccianti. Sarà proprio la ricca signora ad assoldare Libera – la fioraia detective -, e la sua eccentrica madre Iole, perché trovino il vero colpevole dimostrando l’innocenza dello sventurato maggiordomo. Inizia così la quarta indagine delle Miss Marple del Giambellino, le stravaganti investigatrici dilettanti, questa volta impegnate a risolvere un caso che le riguarda molto da vicino e che le metterà addirittura in competizione con le forze di polizia. Sullo sfondo di una Milano contemporanea che conserva il sapore di quella di un tempo, la romantica fioraia Libera e l’eterna hippie Iole riescono ancora una volta a sorprendere il lettore con le loro indagini, accompagnandoci in un giallo tenero e duro, dove ognuno ha un segreto e insieme un buon motivo per mentire.

 

Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 141 pagine
  • Genere : Giallo
  • Editore: Sonzogno (9 maggio 2019)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8845400611
  • ISBN-13: 978-8845400612

Non si uccide per amore – Rosa Teruzzi

Trama

Un biglietto, ormai ingiallito, trovato in una vecchia camicia a quadri nel fondo di un armadio, riporta la memoria di Libera, la fioraia del Giambellino, all’episodio più doloroso della sua vita. Quella camicia è del marito, ucciso vent’anni prima senza che mai sia stato trovato il colpevole, e quel biglietto sembra scritto da una donna. Ma tanto tempo è passato: perché riaprire antiche ferite? Libera ha sempre cercato di dimenticare, piano piano ha messo su un’attività che funziona, se la cava abbastanza bene, altri uomini la sfiorano e la corteggiano. Eppure, quel buco nero della sua esistenza continua a visitare le sue notti insonni, tanto più che – ora lo vede bene – alcuni particolari, nell’archiviazione del caso, la convincono sempre meno. E così, dopo essersi improvvisata detective, nei romanzi precedenti, per risolvere i casi degli altri, questa volta Libera vuole trovare il coraggio per rivangare le vicende del suo passato. Con l’aiuto della madre, eccentrica insegnante di yoga dalla battuta facile e dai costumi spregiudicati, e di una giovane cronista di nera con un sesto senso per i misteri – e nonostante la vana opposizione della figlia poliziotta – Libera si spingerà dalla sua Milano fino in Calabria, per trovare una risposta alle domande che l’opprimono da vent’anni e per guardare in faccia l’amara verità. E per scoprire che forse il nemico si nasconde molto più vicino di quanto avesse mai immaginato.

Continua a leggere