Delitto sul lago  – Dario Sardelli

Trama

Quando d’estate il sole incendia le strade di Roma, anche pensare diventa difficile. Ma non per il vicequestore Piersanti Spina, che il caldo, come il freddo, non lo sente proprio. Il suo problema è un altro: c’è un cadavere dentro un lago. Una mattina di luglio, in uno sconosciuto specchio d’acqua alla periferia est della capitale, viene trovato il corpo senza vita di Valerio Campi. L’uomo, cinquantacinque anni, era stato titolare di un bar che poi aveva venduto. Non doveva averne ricavato molto, perché era sempre al verde; inoltre di recente qualcuno lo aveva minacciato. Tutto fa supporre che fosse finito nelle mani degli strozzini. Eppure Spina non è convinto, e decide di scavare nel passato di Valerio, una scelta che rischia di cacciarlo nei guai. Come se non bastasse, Piersanti deve pure fare i conti con un’instabile vita sentimentale e, soprattutto, con una rara patologia che lo rende praticamente insensibile agli stimoli esterni. Non avverte il dolore, caratteristica che ha alimentato la sua leggenda tra i poliziotti del commissariato VI di Tor Pignattara, però non si accorge nemmeno che ci sono 35 gradi all’ombra. E questo rischia, nel migliore dei casi, di farlo cadere a terra svenuto. «Osservando quel corpo morto dalla riva, sotto il sole incandescente che faceva vibrare i contorni delle cose, il vicequestore Piersanti Spina pensò di essere vittima di uno scherzo topografico: quel lago sembrava una riproduzione in scala di un angolo di Michigan, una cartolina del Wyoming; non era certo ciò che aveva immaginato quando gli avevano comunicato che era stato trovato un cadavere tra la Prenestina e via di Portonaccio».

Recensione a cura di Massimo Ghigi

‘Il venditore di rose’, primo romanzo della serie che vede protagonista il vicequestore Piersanti Spina, mi è capitato tra le mani grazie ad una cara Amica, nonché compagna di Blog (Grande Manu Fontenova sempre idola!) ed è stato amore a prima… lettura! A questo punto, come si dice, se è dura fare bene la prima volta è ancora più dura riconfermarsi, perché ci sono aspettative che prima non esistevano; in effetti personalmente ero molto curioso di verificare se, quanto di buono avevo trovato nella prima avventura di Spina, lo avrei ritrovato in una seconda uscita editoriale e sono felicissimo di dirvi che è stato proprio così!

Dario Sardelli ha dimostrato le proprie qualità di scrittore con questo ‘Delitto sul lago’, in cui ho potuto ritrovare le caratteristiche che mi avevano fatto così apprezzare il romanzo d’esordio.

Spesso ho sentito dire nell’ambiente dell’editoria che, nell’ambito della narrativa ‘noir-gialla-crime-thriller’, inevitabilmente ormai si è letto un po’ di tutto ed è facile cadere in certi stereotipi, in certi cliché, per cui è molto importante puntare sull’originalità, sulla novità; ovviamente è tutt’altro che facile essere originali e innovativi.

Il vicequestore Piersanti Spina è decisamente un personaggio originale per la sua particolarità; ha infatti un problemino non da poco (che però gli altri, quelli che il problemino non ce l’hanno, considerano invece una figata pazzesca!) e cioè il fatto di essere affetto da insensibilità congenita al dolore! Questa trovata ha permesso all’autore di creare un personaggio complesso e ricco di sfaccettature e problematiche, non facendone un super-eroe in stile ‘lo chiamavano Jeeg robot’ ma bensì, semplicemente, una persona che si trova quotidianamente a dover fare i conti a situazioni al limite del tragi-comico! Provate voi a dover andare in giro con un orologio che vi ricordi addirittura quando espletare quotidianamente i bisogni fisiologici!

Un altro punto a favore del ‘mondo di Spina’ sono i ‘comprimari’, i personaggi secondari, anche se secondo me, in questo caso, sono talmente ben definiti ed importanti nell’economia delle storie da poter essere quasi considerati dei co-protagonisti, a partire dalla ‘squadra’ composta da ‘Tonino’ Mio, Aldair, Flavia Pepe, Buttinoni e Parolin, per non parlare poi del medico legale, nonché monologhista comico notturno, Roberto Rella.

Tutto questo al servizio di storie ben studiate e coinvolgenti dove le indagini magari si dipanano in diverse direzioni ma che, alla fine, portano in maniera ottimale a confluire in un finale non banale e che lascia il lettore, come il sottoscritto, appagato e convinto e magari anche sorpreso da un ‘coupe de theatre’ piazzato lì nell’ultimissima pagina, mannaggia a lui!

In questa nuova indagine Spina si trova a dover risolvere un caso che appare subito bello intricato, legato al ritrovamento in un lago sulla Prenestina a Roma, del cadavere di Valerio Campi, 55enne disoccupato con seri problemi economici e probabile vittima di usurai senza scrupoli. Devo dire che mi è piacito molto come si è evoluta la storia, per certi versi quasi alla stregua di una tele-novela (e non mi fate direeee!…), che ha poi portato alla luce il colpevole in modo, ancora una volta, originale e non scontato!

Anche le movimentate vicissitudini sentimentali del nostro eroe aggiungono poi quel tocco di pepe, che ci sta, e che porta il lettore ad entrare ancora più in empatia con il buon Spina, diviso tra due donne molto diverse tra loro ma entrambe per lui molto importanti.

Il ritmo della narrazione è veramente buono, molto scorrevole e senza essere eccessivamente descrittivo; personalmente ho letto sia questo, che il precedente romanzo, nel giro di 2-3 giorni e sempre con la voglia di voltare una nuova pagina e proseguire nella lettura.

Non posso che fare i complimenti a Dario Sardelli ed augurargli ogni fortuna per il suo Piersanti Spina perché il sottoscritto resterà in trepidante attesa della sua prossima indagine… e di quella dopo… e di quella dopo…

Alla prossima!

Dettagli

  • Genere: Narrativa
  • Copertina flessibile:  288 pagine
  • Editore: Einaudi (8 marzo 2022)
  • Collana: Stile libero BIG
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 880625197X
  • ISBN-13: 978-8806251970

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.