Delitto in piattaforma – Gino Marchitelli

Trama

Anni ’80. Un giovane tecnico milanese viene assunto dalla Energy Oil e inviato a lavorare su una piattaforma petrolifera nel mare Adriatico. Una volta arrivato a bordo, in elicottero, scopre turnazioni estenuanti, un lavoro di estrema pericolosità, spazi angusti e convivenza difficile tra i lavoratori. Un non-luogo dove possono nascere profonde amicizie, terribili rivalità e invidie pericolose. Scoprendo che la maggior parte dei giovani lavoratori sono assunti con contratti di lavoro precario e soggetti al ricatto dei padroni del petrolio, Marco Radelli intraprende un percorso di impegno personale militante. Eletto delegato sindacale della piattaforma Camaleonte II, e divenuto attivista di un’organizzazione della sinistra extraparlamentare, dimostra l’illegittimità dei contratti di lavoro sottoscritti anche dalle stesse organizzazioni sindacali… Intanto, uno strano personaggio sbarca in incognito sull’impianto mentre è in arrivo una terribile tempesta. Durante la notte un tecnico della piattaforma cade in mare e affoga. In attesa delle autorità, bloccate dal maltempo, Radelli indaga sulla misteriosa morte del collega…

Recensione a cura di Dario Brunetti

Gradito ritorno dell’inesauribile e prolifico autore milanese Gino Marchitelli che ci presenta un libro forte e di grande impatto, Delitto in piattaforma è il suo ultimo romanzo edito Jaca Book.

Un noir, il primo forse in assoluto a trattare il tema delle piattaforme petrolifere, una realtà forse poco conosciuta e approfondita nel corso degli anni.

E’ ormai risaputo che nel nostro paese le inchieste vengono messe sempre a tacere proprio perchè  andrebbero a sconvolgere. come in questo caso, i piani dei padroni del petrolio che molto spesso lucrano sulla pelle dei poveri lavoratori.

Questo romanzo non è nient’altro che una fedele ricostruzione di quel che accade, l’autore sceglie il genere a lui più congeniale e che l’ha contraddistinto al meglio nel corso degli anni, per mettere a fuoco situazioni incresciose all’interno di una piattaforma petrolifera.

Marco Radelli ne è il protagonista assoluto, un giovane tecnico milanese assunto dalla Energy Oil per lavorare su una piattaforma petrolifera nel Mare Adriatico.

Un ragazzo sveglio che riesce a districarsi nelle situazioni, con una gran voglia di imparare e di mettersi a disposizione oltre che ad essere una persona del mestiere, forse mal visto per i suoi capelli lunghi e perché è sempre pronto ad esprimere il suo pensiero in maniera molto schietta, ma quando proprio il Radelli noterà malagestione da parte di qualche responsabile e dei giovani assunti con contratti di lavoro precario, affiorerà sempre più il suo malessere, ed essendo un’attivista della sinistra estraparlamentare verrà fuori tutto il suo spirito sindacale dopo la sua elezione. dimostrando e fronteggiando un sistema che vede l’illegittimità dei contratti di lavoro sottoscritti con la complicità delle organizzazioni sindacali. Qualcosa da non credere!

Ma si sa benissimo che le denunce devono essere messe sempre a tacere e che uno come Marco Radelli può risultare un elemento scomodo quanto pericoloso, ed è qui che il romanzo assume i giusti contorni del noir.

Scorrendo le pagine di questo avvolgente romanzo, la tensione salirà sempre più di tono e scopriremo quanto la denuncia sociale è fondamentale per sovvertire i poteri forti, verremo così a conoscenza di un lavoro che presenterà delle insidie e dove i lavoratori non vengono assolutamente tutelati.

Gino Marchitelli ha vissuto l’esperienza di tecnico presso un impianto petrolifero, e chi meglio di lui può far luce su una realtà non proprio realmente conosciuta affinchè  i lettori così possono iniziare ad avere confidenza con una tematica scottante che ha preso piede agli inizi degli anni 80.

La narrazione è il miglior sistema per poter analizzare al meglio i disagi di un lavoratore come Marco Radelli e di molti suoi colleghi che hanno abbracciato quel mondo particolare, troveremo anche un lato emotivo e solidale tra persone che vivono un dramma sociale e che stanno per essere dimenticati per sempre.

Raccontare denunciando, l’ottimo Marchitelli lo fa costantemente da anni affrontando battaglie e scontrandosi costantemente con istituzioni mettendoci sempre la faccia, Delitto in piattaforma è un romanzo audace con una tematica ancora da sviscerare perché forse in tutti questi anni non è stata presa in considerazione come forse meritava, per quei lavoratori che sono morti su un posto di lavoro o di coloro che sono stati licenziati e non più riconfermati, ebbene è arrivato il momento di dare voce ad un argomento del genere proprio perché loro lo vogliono come del resto tutti noi, perché la problematica è ancora all’ordine del giorno ed è doveroso approfondirla con determinazione e in maniera incisiva.

Chapeau per chi almeno ci prova !

Buona lettura !

Dettagli

  • Editore ‏ : ‎Jaca Book (1 novembre 2021)
  • Genere : Noir
  • Lingua ‏ : ‎ Italiano
  • Copertina flessibile ‏ : ‎ 240 pagine
  • ISBN-10 ‏ : ‎ 8816417021
  • ISBN-13 ‏ : ‎ 978-8816417021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.