Un gelido inverno in viale Bligny – Arianna Destito Maffeo

Trama

Un gallerista d’arte viene trovato assassinato ai giardini di Porta Venezia. L’indagine è affidata alla vicequestora Andrea De Curtis, arrivata a Milano da pochi mesi, la cui identità costituisce la prima sorpresa del romanzo. De Curtis vive in viale Bligny accanto al famoso civico 42, il “Palazzo Mondo”, popolato da un’umanità proveniente dalle più diverse etnie e condizioni sociali. Qui abita Marlene, una trans con la quale la vicequestore farà subito amicizia. Ad affiancare Andrea c’è l’ispettore Torrisi, e il loro non sarà un rapporto facile. Al primo delitto ne seguirà un secondo, realizzato con lo stesso modus operandi. Le vicende si svolgono tra il mondo delle gallerie d’arte, la Milano alto-borghese e i personaggi del Bligny 42. Andrea De Curtis dovrà muoversi nel labirinto di una città sconosciuta e indagare su mercanti d’arte folgorati dal mistero delle icone russe e donne tanto affascinanti quanto condannate all’infelicità; ogni personaggio sembra fuggire dai demoni che lo tormentano, alla ricerca di una verità che vada al di là delle apparenze. Sullo sfondo, una Milano gelida, alla vigilia delle vacanze natalizie, vissuta dai protagonisti che l’hanno scelta o ci sono capitati per caso senza più lasciarla.

Recensione a cura di Dario Brunetti

Dopo essere stata autrice di numerosi racconti presenti in varie raccolte, Arianna Destito Maffeo fa il suo esordio letterario con il romanzo noir Un gelido inverno in viale Bligny per Morellini editore.

La città di Milano è in pieno clima natalizio, l’inverno è arrivato e la gente deve resistere a un freddo pungente che penetra nelle ossa, proprio come il gelo della lama di un coltello che accarezza la gola per colpire inesorabilmente il collo della vittima, lasciandola in una pozza di sangue.

Sotto i colpi dell’omicida è caduto Edoardo Solari, un gallerista d’arte e sul luogo del delitto si reca la vicequestora Andrea De Curtis coadiuvata dall’aitante ispettore Antonio Torrisi e incaricati a svolgere le indagini.

Un nuovo personaggio al femminile tutto da scoprire approdato a Milano e che abita nella storica viale Bligny e precisamente al civico 42.

Perché storica vi chiederete ?

In quel viale vi è racchiuso un mondo, sembra essere una roccaforte e viene definito il buco nero di Milano, dove si traffica droga e c’è il giro di prostitute e di viados a tenere compagnia alle statue della Madonna, un luogo dove ha regnato per anni il male nella sua vera essenza.

Andrea stringe amicizia con un transessuale di nome Marlene a cui si lega facilmente instaurando anche un bel rapporto di complicità.

Rapporto invece spigoloso con il bell’ispettore Torrisi che farà fatica a starle dietro, inizialmente sarà gelo tra i due nel vero senso della parola, poi gioco forza si troveranno a fare squadra perché l’indagine che si para loro davanti ha la sua complessità.

Ho apprezzato molto la cura dell’autrice per i personaggi di questo coinvolgente noir, che riesce a catalizzare l’attenzione del lettore grazie ad uno spigliato ritmo di narrazione: ad iniziare proprio dalla sua protagonista Andrea, che ha bisogno di cercare la sua dimensione, sembra fuggire da qualcosa e agli occhi degli altri appare allo stesso tempo essere sfuggente e indecifrabile, ma con un carattere tosto e abbastanza deciso, poi ci sono Sophie Martini, una donna molto avvenente che deve sottrarsi alle grinfie di Marco, un marito geloso fino all’inverosimile, un temibile russo senza scrupoli e ancora tanti altri tutti meravigliosamente tratteggiati alla perfezione dalla pregevole penna della Destito Maffeo che ha fornito una prova più che convincente al suo esordio.

Mercanti d’arte abbagliati da icone russe che rappresentano un vero tesoro per la vittima, ma sarà la causa di quell’orribile delitto che ha insanguinato i giardini di Porta Venezia?

Tocca al lettore perdersi inevitabilmente scorrendo le pagine di questo avvolgente noir, proprio come la musica che accompagna alcuni capitoli che fanno da colonna sonora alla storia.

Rivivo la lettura del romanzo perdendomi tra le note di questi tre brani :

Otis Redding Sitting on the dock of the bay https://youtu.be/wyPKRcBTsFQ

Cold Play Viva la Vida https://youtu.be/dvgZkm1xWPE

Lucio Battisti Mi ritorni in mente https://youtu.be/JPPz43HG1Z0

Buona lettura attendendo il gradito ritorno dell’enigmatica e irriducibile Andrea De Curtis !

Dettagli

  • Editore ‏ : ‎ Morellini (21 ottobre 2021)
  • Genere : Noir
  • Lingua ‏ : ‎ Italiano
  • Copertina flessibile ‏ : ‎ 236 pagine
  • ISBN-10 ‏ : ‎ 8862988796
  • ISBN-13 ‏ : ‎ 978-8862988797

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.