Il calamaro gigante – Fabio Genovesi

Trama

Del mare non sappiamo nulla, però ci illudiamo del contrario: passiamo una giornata in spiaggia e pensiamo di guardare il mare, invece vediamo solo “la sua buccia, la sua pelle salata e luccicante”. Forse perché appena sotto, e poi giù fino agli abissi, c’è una vita così diversa e strabiliante da sembrarci assurda, impossibile. Come per secoli è sembrata impossibile l’esistenza del calamaro gigante, il mostro marino che ha mosso alla sua ricerca gli esploratori più diversi. Come il sacerdote Francesco Negri, che nel 1663 a quarant’anni compiuti parte da Ravenna per la Scandinavia misteriosa, diventando il primo viaggiatore a raggiungere Capo Nord. O come il capitano Bouyer dell’Alecton (a cui si ispirerà Jules Verne per scrivere “Ventimila leghe sotto i mari”), che mentre naviga verso la Guyana nota all’orizzonte qualcosa di inaudito: è la prima testimonianza del calamaro gigante, dei suoi occhi enormi e intelligenti, dei tentacoli come terribili serpenti marini avvinghiati alla nave. Ma nessuno gli crederà. Sono pochi infatti gli scienziati che ascoltano le parole degli uomini di mare – naviganti, pescatori, indigeni… –, i più le credono bugie da marinai o allucinazioni collettive: quel che hanno visto contraddice tutte le teorie che abbiamo scritto finora, e quindi non l’hanno visto. Fabio Genovesi racconta la vera storia di questo impossibile, del calamaro gigante e di chi lo ha cercato a dispetto di tutto, insieme a mille altre storie che come tentacoli si stendono dall’oceano a casa nostra. Ricordandoci che viviamo su un pianeta dove esistono ancora i dinosauri, come il celacanto, o animali come gli scorpioni che sono identici e perfetti da quattrocento milioni di anni, invitandoci così a credere nell’incredibile, e a inseguire i nostri sogni fino a territori inesplorati. E lo fa mescolando le vite di questi esploratori stravaganti e scienziati irregolari – tra cui la pioniera Mary Anning, “colei che da sola ha cambiato la storia della Terra”, e del suo cagnolino Tray –, alla storia privata di sua nonna Giuseppina, che a cena parlava con il marito morto da anni, della compagna delle medie che un giorno smette di camminare per non pestare le formiche, della bambina nata per un appuntamento mancato in gelateria. Ne emerge un pianeta che sembra una grande follia, ma se smettiamo di sfruttarlo e avvelenarlo, se smettiamo di considerarci un gradino sopra e capiamo di essere mescolati al tutto della Natura, ecco che diventiamo anche noi parte di questo clamoroso, smisurato prodigio, mentre su queste pagine navighiamo alla sorprendente, divertente, commovente scoperta delle meraviglie del mondo, e quindi di noi stessi.

Recensione a cura di Manuela Baldi

C’è qualcosa di surreale  nella scrittura di Fabio Genovesi che mi ha catturata e portata altrove. Questo libro si presta alle divagazioni, alle fermate e alle ripartenze. C’è la storia di un bambino che diventa grande e che a scuola quando disegnò un calamaro gigante come animale preferito, venne fatto oggetto di prese in giro e  lancio di materiale scolastico vario da parte dei compagni di classe.  La maestra giustificò i compagni perché in fondo lui se l’era cercata …”un po’ era colpa mia, perché tra tanti animali al mondo ne avevo scelto uno che non esiste.”  Si passa dalla storia personale, di Fabio bambino, con il ricordo di un’estate passata con la nonna che gli cambiò la vita, ai racconti di esploratori, di uomini e di donne diversi fra loro, ma tutti con grande voglia di conoscere, di viaggiare ed esplorare, spinti dalla propria sete di conoscere e ancora si trovano piccole storie di uomini dotati di fantasia enorme. Ci parla del mare Genovesi, quel mare che non conosciamo e che invece ci racconta storie fantastiche, scrive dell’incuria degli esseri umani verso il pianeta Terra.

Divaga Fabio Genovesi, il calamaro gigante è una metafora della vita. Lasciatevi portare fiduciosi dalle sue parole, leggete mantenendo lo spirito della bambina/del bambino che è in voi, spingetevi oltre. Molto dolce la descrizione del suo rapporto con la nonna. Ironia, lievità, meraviglia, voglia di vivere e conoscere, solo lasciandoci andare, tuffandoci metaforicamente nella vita, con apertura e curiosità, inizieremo a esistere.

Dettagli

  • Genere: narrativa
  • Copertina flessibile: 144 pagine 
  • Editore: ‎ Feltrinelli  ( 6 maggio 2021)
  • Collana: Narratori
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10:  ‎ ‎8807034425
  • ISBN-13: 978- 8807034428 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.