Nelle Scarpe dello Scrittore

Rubrica a cura di Roberto Gassi

Viaggio 4.0 – Will Eisner

William Erwin Eisner, Brooklyn, New York, classe 1917, è considerato il più importante autore di fumetti di tutti i tempi ed è ancora un punto riferimento per i fumettisti contemporanei. Nasce in una famiglia di immigranti ebrei: il padre è un pittore e gli trasmetta la passione per l’illustrazione; la madre invece, è originaria della Romania e nelle descrizioni di Will, soprattutto in Verso la tempesta, rappresenta il suo ancoraggio alla realtà, al quotidiano, alla semplicità delle piccole cose della vita. 

La sua avventura fumettistica inizia grazie alla collaborazione con Jerry Iger editore di Wow! What a Magazine, con il quale fonda lo studio Eisner-Iger, Ltd, realizzano fumetti per gli editori che si affacciano a questo tipo di mercato. La voglia di indipendenza e di mantenere i diritti del suo lavoro lo spinge a percorrere una strada da solista realizzando The spirit, un detective mascherato che cerca di mantenere l’ordine per le strade e di fare giustizia lì dove il crimine imperversa. Quelle che all’inizio erano storie autoconclusive pubblicate in supplementi domenicali a colori, diventano fumetti a sé stanti, albi dedicati che dal 1940 al 1952, sono stati tradotti e pubblicati in ogni parte del mondo e ristampati nei decenni successivi.

La rivelazione, il lavoro che lo consacra nuovamente al mondo come fumettista e scrittore, arriva nel 1978 con Contratto con Dio, una graphic novel coraggiosa, un romanzo disegnato, nel quale il rinnovato tratto di Eisner non è da meno ai contenuti che propone. La trilogia che include Contratto con Dio, La forza della vita e Dropsie Avenue, e ancora oggi pubblicata dai più grandi editori di tutto il mondo ed è facilmente reperibile, in questo viaggio affronteremo il primo dei tre volumi citati.

Ma prima di partire, dobbiamo considerare i trascorsi dell’autore: le sue origini ebraiche, una fede combattuta e messa spesso in discussione anche pubblicamente dallo stesso Eisner; un’infanzia fatta di ristrettezze economiche, per aiutare la famiglia a sbarcare il lunario vende i giornali agli angoli delle strade; la crisi del ’29, il crollo di Wall Street e l’inizio della Grande Depressione; l’antisemitismo praticato dai compagni di scuola nei suoi confronti, le botte prese e quelle restituite; Brooklyn.

Contratto con Dio

Una raccolta che consta in un prologo e quattro racconti.

Appena indosserete le scarpe dello scrittore vi ritroverete a New York, Eisner vi catapulterà (o teletrasporterà, se preferite) nel 1930 al n. 55 di Dropsie Avenue, in Un caseggiato nel Bronx non lontano dalla stazione sopraelevata, dove tra odori e tanfi, tra schiamazzi e drammatici silenzi, la storia avrà inizio.

Un micro-villaggio, gli inquilini sono tra i più diversi, alcuni vanno e vengono, altri ci restano una vita intera, la loro principale occupazione è sopravvivere, allevare i figli e sognare una vita migliore, quella dei quartieri alti di “uptowm”.

Contratto con Dio (episodio n. 1)

La vicenda di Frimme Hersh che da bambino ha stipulato un contratto unilaterale con Dio. Una vita condotta sulla retta via seguendo gli insegnamenti della sua religione, ma la morte della figlia Rachele lo porta a rompere il patto stipulato e a dedicarsi all’irrisolutezza, ai vizi, all’avarizia.

Acquista lo stabile al n. 55 di Dropsie Avenue divenendo uno spietato affittacamere.

Eisner riesce a mostrarci due tempeste: quella della notte in cui Rachele muore e sembra che il cielo debba venire giù da un istante all’altro; quella interiore del povero Frimme.

Riuscirà il pio ebreo a riappacificarsi con se stesso e con Dio? Riscriverà un nuovo contratto?

Il cantante di strada (episodio n. 2). Negli anni trenta ce n’erano molti che bazzicavano le strade eseguendo canzoni popolari e passaggi dalle aree d’opera che grazie all’acustica dei vicoli suonavano incredibilmente professionali. La storia ne ha come protagonista uno in particolare che perde l’occasione della vita a causa di una sbronza, i vicoli sono tutti uguali e non si ricorda più dove abita la signora che, dopo averlo sentito cantare, si affaccia dal balcone e lo invita a salire. Gli si propone come sua mecenate e maestra di canto, gli offre del sesso fugace, dei soldi, un vestito nuovo, gli chiede di ritornare da lei il giorno seguente: la donna con una telefonata procura un contratto all’ignaro cantante di strada che nel frattempo ha deciso di bersi sino all’ultimo spicciolo.

Il Super (episodio n. 3). Chi è il nemico? Questa è la domanda che ci si pone leggendo questo racconto disegnato sulla storia di Mr. Scruggs, soprannominato il Super, custode tedesco di un palazzo di ebrei, malvisto da tutti, irascibile, scorbutico, un tipo da evitare. La maestria di Eisner consta appunto nel presentarci il trucco dell’apparenza, di quanto le sembianze fisiche e gli atteggiamenti che le persone assumono siano fuorvianti. Mr. Scruggs e Rosie, l’orco e la sua vittima? La depravazione e il candore? Un nichelino per una sbirciatina sotto la veste, una pesante vergogna senza avere commesso reato.

Cookalein (episodio n. 4). Una località di campagna come meta per le vacanze: sogni, esperienze, ambizioni, vite che si mischiano, cuori rapiti da uno sguardo. Quanto conta il sentimento e quanto trovare o accalappiarsi un buon partito?

Storie di fede, amore, solitudine e tradimento. Storie che segnano la nascita del moderno fumetto americano. Una sperimentazione grafico-narrativa che non è facilmente comparabile con altri lavori (ricordiamoci che l’anno di pubblicazione è il 1978). La prima graphic novel, il primo romanzo scritto e disegnato da colui che ha reinventato le regole della nona arte: Will Eisner.

Viaggio 5.0: maggio 2021.

Consigli per la degustazione della lettura:

Piatto: Latkes (frittelle di patate alte e croccanti).

Vino: Tzora, Single Vineyard Neve Ilan Blanc, Judean Hills, Israele, vino kosher (i vini kosher sono certificati da ebrei osservanti).

Sigaro: Trinidad

Link utili

Viaggio 1.0 Fruttero & Lucentini, L’amante senza fissa dimora.

Viaggio 2.0 Fruttero & Lucentini, La donna della domenica.

Viaggio 3.0 Fruttero & Lucentini, A che punto è la notte.

Un pensiero su “Nelle Scarpe dello Scrittore

  1. Pingback: Nelle Scarpe dello Scrittore | gialloecucina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.