ROSA ELETTRICA – GIAMPAOLO SIMI

Trama

Cociss ha appena compiuto diciotto anni. È già capozona nel quartiere 167, ha una ventina di soldati sotto di sé che spacciano cocaina e altro. C’è stata una faida, per sbaglio sono state uccise anche due bambine. Cociss viene arrestato e subito parla. Può portare in alto. Il compito di proteggerlo è affidato a Rosa, giovane poliziotta al suo primo incarico serio. Lei crede di avere una missione. Ci metterà poco a capire che c’è qualcosa di poco chiaro nel programma di protezione di Cociss, malgrado le rassicurazioni del commissario. Quando scopre che forse Cociss è la vittima sacrificale designata dai clan, Rosa si ribella. E fugge con il ragazzo, per salvarlo, arrogandosi un diritto che non ha.

Recensione a cura di Todaro Edoardo

Questo noir di Giampaolo Simi è stato pubblicato per la prima volta, nel 2007, da “ Einaudi stile libero “ ed oggi, dopo 13 anni, grazie a Sellerio lo possiamo riavere tra noi. Come si intuisce dalle poche frasi  della trama, abbiamo a che fare con un 17/18 enne, Daniele Mastronero, detto Cociss. Un capozona che non solo nutre una forte ostilità verso i “diversi “, le scorie della società, ma che va a coca invece che a benzina, visto che, come la semplice regola della domanda/offerta ci insegna, la droga se c’è chi la compra ci sarà sempre qualcuno che la vende.  Daniele appena  arrestato collabora con le forze dell’ordine che portano avanti le indagini sulla guerra in atto e che ha portato alla morte anche due bambine. Morte per sbaglio, come spesso accade nei conflitti a fuoco. Una guerra dove “ si scannano come bestie “. La decisione di collaborare porta necessariamente ad un programma di protezione per evitare che Cociss possa cadere vittima di quanti si sentono messi a rischio arresto. Un programma di protezione rapido e che  vedrà la sua attuazione, tra difficoltà e problemi, in una comunità di recupero. Ma il ruolo principale a difesa del giovane capozona lo svolge una poliziotta che dalla stradale passa a questo  incarico particolarmente complesso. Rosa che si pone interrogativi, quasi filosofici, sulla differenza tra pentimento collaborazione. Simi ci fa conoscere anche un mondo spesso misterioso: quello dell’illegalità, dove l’adolescenza è un lusso e si cresce e si fa “ carriera “ rapinando le coppiette che si appartano o con le scommesse sui combattimenti tra cani; dove per acquisire quel coraggio che non si ha, è necessario spararsi…. Con la lettura delle pagine emerge quanto Rosa comincia a capire e cioè che sulla testa di Cociss si gioca una partita più grossa di un semplice programma di protezione: le misure di tutela non funzionano;  il capozona non risulta tra gli arresti ufficiali dell’operazione condotta dalle forze dell’ordine. Quando Rosa valuta di far venire fuori quanto sta scoprendo, arriva la proposta di patto, di accordo. Comunque ciò che rivela “ Rosa elettrica “ è il rapporto tra Rosa, appunto, e Cociss, che vuole smettere di fare sbagli, visto che la sua è stata una vita sbagliata . Rapporto che da imposto si sviluppa in una reciproca confidenza tra due nemici. Anche in questo noir Simi si addentra in meccanismi, codificati o meno, che regolano la società di oggi e quindi non possiamo non leggerlo.

Dettagli

  • COPERTINA  flessibile; PAGINE 377
  • GENERE: noir
  • EDITORE: Sellerio editore Palermo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.