Il senso delle parole rotte – Massimiliano Giri

Trama

Nella villa sulla collina, oltre il cancello di ferro battuto, le pattuglie aspettano all’ingresso. Gli aloni bluastri dei lampeggianti nella pioggerella nebulizzata che riempie l’aria. La casa è stata già perlustrata e la ragazza non c’è. Il cellulare, staccato. Segni di una colluttazione in soggiorno, schegge di ceramica spuntano dal parquet come denti di squalo. Tracce di sangue, un arabesco scuro come melassa che va verso una porta sul retro e prosegue nel parco, fra la ghiaia e l’erba. La recinzione di metallo è stata tranciata, un buco delle dimensioni di una persona spezza il verde delle piante rampicanti. Di là c’è il bosco. Qualcuno ha rapito la figlia dell’uomo più potente della città e il commissario Matthias Macrelli è quello che deve ritrovarla. Ex pugile, un passato segnato da un incidente che gli ha cambiato la vita, scoprirà nel corso dell’indagine un caso archiviato da riaprire, e l’esistenza di un senso nascosto delle parole che rivela il male e il dolore. Ma adesso, per prima cosa, bisogna chiamare i rinforzi. Perché il bosco è grande. E il mondo, là fuori, molto feroce.

  Continua a leggere