Gli scomparsi – Alessia Tripaldi

Trama

Un cadavere mutilato emerge da un tumulo di sterpaglie. Un ragazzo scalzo e magro dice di chiamarsi Leone e che quello è il corpo di suo padre, con cui ha sempre vissuto nei boschi. Quale segreto si nasconde tra le montagne impenetrabili del Centro Italia? La risposta spetta al commissario Lucia Pacinotti. «Un’altra sigaretta e poi vado» è la frase che ripete tra sé mentre è appostata in macchina cercando il coraggio di bussare alla porta del suo vecchio compagno di università, Marco Lombroso. Nonostante la frattura improvvisa che li ha separati anni prima, lui è l’unico che può aiutarla a dipanare il mistero del “ragazzo dei boschi”. Ciò che Lucia non sa è che bussando a quella porta costringerà Marco a riaprire anche il vecchio baule ereditato dal suo avo, Cesare Lombroso. Tra le pagine dell’Atlante dei criminali, nei pattern che collegano i crimini più efferati della Storia, si cela la verità, ma per trovarla è necessario addentrarsi nei fitti boschi delle montagne e in quelli ancora più intricati dell’ossessione per il male.

 

Recensione a cura di Gino Campaner

Gli scomparsi è un libro thriller scritto da Alessia Tripaldi ed edito da Rizzoli. La protagonista del romanzo è il commissario Lucia Pacinotti originaria di Torino e mandata in Abruzzo per ricoprire il suo primo incarico a capo di un commissariato. Non succede molto in quel paese ma quello che si verifica ad un certo punto tra le giornate tutte uguali sembra incredibile. Viene fermato e portato in questura un giovane notato poco prima da alcuni turisti che vagava sulla statale. Il ragazzo è sporco ed in condizioni igieniche e fisiche precarie. Sostiene di vivere nei boschi con il padre che però ora è morto e lo ha dovuto seppellire. Grazie alle sue indicazioni viene in effetti ritrovato seppellito il corpo di un uomo con il viso reso irriconoscibile dai colpi ricevuti al volto e pugnalato più volte alla schiena ed al cuore. Il ragazzo sostiene di aver vagato col cadavere per un po’ poi ha deciso di seppellirlo. La vicenda appare subito complicatissima. Non si riesce a capire granché soprattutto dopo che viene accertato che quello trovato morto non è il padre vero del ragazzo che dice di chiamarsi Leone. Per ricevere aiuto Lucia pensa subito ad un amico di Torino ex compagno del corso in criminologia. Lui è l’unica persona che può dargli una mano a decifrare la figura enigmatica di Leone. Il suo nome è Marco Lombroso pronipote di Cesare Lombroso, medico ed antropologo, padre della moderna criminologia per alcuni. Ciarlatano per altri. Lo raggiunge nel capoluogo piemontese e gli chiede di collaborare alla soluzione del caso. Marco è un ragazzo scontroso e scostante che vive in un piccolo appartamento a San Salvario, quartiere di Torino. All’inizio è molto titubante ma alla fine si lascia convincere, è così partono entrambi per l’Abruzzo. Questo è solo l’inizio del romanzo scritto dalla Tripaldi. Un romanzo avvincente che racconta le teorie di Cesare Lombroso e quelle che il suo discendente ha elaborato personalmente e che portano anch’esse ad identificare potenziali criminali, analizzando però parametri e partendo da presupposti diversi da quelli del suo trisavolo. La storia benché molto complessa è condotta in modo molto ordinato attraverso una scrittura che coinvolge e rende la vicenda sempre interessante. I protagonisti, poi, diventano “amici” per i quali si parteggia e si prova immediata simpatia malgrado il loro carattere spigoloso. Il finale è coerente col resto del racconto e per nulla banale. Un romanzo che fa riflettere e che induce il lettore a porsi molte domande sui comportamenti dell’uomo esposto a stimoli estremi. In più è un’occasione per riscoprire la figura controversa di Cesare Lombroso. Come unico aspetto negativo devo evidenziare, come ancora una volta, anche se ormai credo di essere rimasto l’unico a soffrirne visto il grande proliferare di libri, soprattutto thriller, sia l’abuso sui minori l’argomento principale. Ma oltre a questo, che comunque rimane una considerazione molto personale, di aspetti negativi non ne ho rilevati anzi rimane perlopiù un romanzo molto ben fatto con una buona dose di colpi di scena e di situazioni emozionanti. Complimenti.

 

 

Dettagli

  • Genere: thriller
  • Copertina flessibile: 400 pagine
  • Editore: Rizzoli (7 luglio 2020)
  • Collana: Rizzoli narrativa
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8817147354
  • ISBN-13: 978-8817147354

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.