Questo sangue non è mio – Giovanni Lucchese

questo-sangue-non-è-mio-e1504097548670.jpg

Trama

 Corpo e anima. Dentro e fuori. Essere e apparire. Carlotta è da sempre in bilico tra queste eterne dicotomie, ad esse sopravvive, con esse convive. Ciò che è oggi non esisterebbe se non ci fosse l’Altra, la voce che da dentro la trascina in basso; ciò che era prima non sarebbe mai esistito se l’Altra non l’avesse plasmata a suo piacimento. Bruttina e goffa, facile vittima del gruppo, la sua unica amica è una voce che le risuona in testa da molti anni, che come un’eco eterna fa da contrappunto a ogni suo pensiero: ed è per seguire questa voce che Carlotta si ritrova, in un infinito oggi, con le mani sporche di sangue. Un sangue che non è suo ma che da lei nasce, dal suo passato, da quello che è stata e che è diventata. In una continua altalena di emozioni e di allucinazioni, percorriamo con Carlotta i cunicoli di una Roma sotterranea. Assieme a lei, dentro di lei, passiamo dal buio alla luce. Dal dentro al fuori. Dal corpo all’anima.

Voce di Adriana Rezzonico

Recensione a cura di Adriana Rezzonico

“Hai appena compiuto la tua opera d’arte, un vero capolavoro, rallegrati Carlotta!

L’adrenalina che hai ancora in corpo si percepisce sin dalle prime righe. Hai del sangue che ti cola su una mano, vorresti detergerti con cura ma non c’è tempo. Ascoltami anche stavolta, non insistere, non essere la solita testarda.

Ci siamo conosciute un pomeriggio di Ottobre al corso di nuoto, io adoravo l’acqua e l’ombretto viola.

E tu?… sempre così calma, determinata, mi sei stata subito amica, ti sei affiancata senza porti troppe domande e mi hai infuso sicurezza senza remore. Le tue istruzioni sono sempre state ferree e precise. Mi hai accompagnato alle prime feste scolastiche, nonostante non mi sentissi a mio agio, ero perseguitata dai classici bulli: ricchi, viziati e arroganti. La vita mi ha sempre negato la sua parte più raffinata e allegra. Ma tu mi rischiari perennemente il cammino, dissolvi ogni mio dubbio e affievolisci le mie costanti angosce.”

 L’autore, Giovanni Lucchese vincitore della Rassegna Festival del Giallo al Centro di Rieti, ci accompagna in questa sua fatica letteraria ricca di dialoghi e coordina, su due diversi piani temporali, la vita di Carlotta.

Una nuova penna estremamente sensibile, che sa toccare con garbo i sentimenti e che risveglia la curiosità negli amanti del genere.

Non è facile trattare argomenti importanti e rendere il tutto più lieve, nonostante il noir sia incentrato su tematiche molto attuali e non certo frivole .

Carlotta e la sua amica hanno in serbo altri progetti.

Sono davvero desolata, non vi ho neppure presentato la sua fedele compagna. Un mistero da scoprire, dunque… seguitemi e… buona lettura!

 

Dettagli

  • Genere: Narrativa contemporanea
  • Copertina flessibile:194 pagine
  • Editore:Alter Ego (18 maggio 2017)
  • Collana:Specchi
  • Lingua:Italiano
  • ISBN-10:8893330784
  • ISBN-13:978-8893330787

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.