Arrigoni e l’omicidio nel bosco – Dario Crapanzano

Trama

È la prima inchiesta che il commissario capo Arrigoni del Porta Venezia conduce lontano dalla sua amata Milano. Siamo nel 1953, e gli alti comandi di polizia e carabinieri decidono di costituire un’unità speciale che dovrà indagare sugli omicidi che vengono commessi in piccoli paesi della Lombardia. A capo dell’unità viene nominato proprio Arrigoni che, pur non essendo troppo entusiasta della proposta, per senso di responsabilità accetta l’incarico. Dopo una settimana, ha già un caso da risolvere. Parte insieme al il giovane e fidato agente Di Pasquale, un esuberante e brillante partenopeo, nonché impenitente donnaiolo. I due raggiungono Arbizzone Varesino, un paese di montagna affacciato sul lago Maggiore, dove il contrabbando con la vicina Svizzera è la principale fonte di guadagno: un posto tranquillo, all’apparenza, ma che nasconde più di un segreto. Qui, in un bosco, è stato rinvenuto il cadavere di un uomo, ucciso con un colpo alla tempia, sferrato probabilmente con una pietra trovata nel vicino torrente. L’uomo, ricco e sposato con una ragazza molto più giovane, era ufficialmente un imprenditore edile, ma, come si scoprirà nel corso dell’indagine, anche uno strozzino…

Recensione a cura di Dario Brunetti

Un gradito ritorno per gli appassionati del giallo alla Simenon; stiamo parlando di Dario Crapanzano, del suo commissario Mario Arrigoni e della Milano degli anni 50.

Il protagonista è chiamato a condurre un’indagine fuori Milano e a trasferirsi momentaneamente per esigenze organizzative e logistiche ad Arbizzone Varesino, accettando l’incarico di fare luce su contrabbandi illeciti al confine con la Svizzera e, come se non bastasse, sull’omicidio di Arnaldo Castagna, un imprenditore edile che forse nascondeva più di un segreto.

Trovata nel bosco, la vittima riporta una vistosa ferita alla tempia e si presume sia stata colpita con un’arma piuttosto pesante scagliata con forza. Gli inquirenti setacciano la zona ma non è facile indagare in un piccolo paese dove gli abitanti non si vogliono compromettere e preferiscono cucirsi la bocca, così Arrigoni e il suo fido brigadiere napoletano – un aitante giovanotto che cede facilmente al gentil sesso non facendosi mai mancare nulla da buon donnaiolo – devono cercare di abbattere quelle resistenze da parte degli abitanti del luogo fin troppo reticenti. Inizialmente gli sviluppi dell’inchiesta non saranno facili da condurre: l’autore pone il commissario fuori dal suo contesto abituale, evidenziando l’ambientazione provinciale che racconta gli usi, le consuetudini e il modo di vivere di un piccolo paese.

L’indagine è improntata sulla vita della vittima che ha una moglie di trent’anni più giovane di lui: da qui l’ipotesi che possa essere un delitto passionale visto che la donna aveva una relazione con un dipendente dell’impresa, ma non viene tralasciata neanche la traccia legata al contrabbando e il sospetto che la vittima possa essere uno strozzino. Non era proprio una persona perbene e ben vista dagli abitanti del luogo, il sig. Arnaldo Castagna, pertanto poteva avere più di un nemico.

Così la coppia Arrigoni-Di Pasquale è chiamata a scandagliare più di una pista, non sarà facile ma la soluzione finale poi verrà servita su un piatto d’argento.

Un giallo stilisticamente perfetto, scrittura molto equilibrata con una storia che non ha quell’assoluta necessità di spargere sangue inutile e ricorrere a spropositata violenza, anche perché in un contesto come quello del romanzo sarebbe assolutamente fuori luogo.

Crapanzano riserva ai lettori un’Italia degli anni ‘50 raccontata magistralmente con quel suo modo garbato di descrivere, un paese che esce dall’incubo della guerra e cerca di costruirsi un futuro migliore dopo anni di lotte e di tanti sacrifici.

Aspettiamo un’altra sua avventura con molto piacere!

 

Dettagli

  • Genere: Giallo
  • Copertina flessibile: 199 pagine
  • Editore: SEM (11 ottobre 2018)
  • Collana: SEM
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8893901080
  • ISBN-13: 978-8893901086

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.