L’onore e il silenzio – Gianni Mattencini

Trama

Il 1924 non è scandito dalle lancette dell’orologio ma dagli sbuffi della locomotiva, che significano progresso. Lo sanno bene nella placida Borgodivalle, scossa dal clangore dei colpi sulle traverse d’acciaio e dal ritrovamento, proprio sotto al moderno ponte in ferro, del corpo senza vita dell’ingegnere Alessi. I lavori si fermano e la cittadina piomba nel caos. Per ripristinare l’ordine e assicurare i colpevoli alla giustizia, è inviato sul posto il brigadiere Maisano, disilluso gregario alle prese con il ruolo dell’indagatore. Lo affiancano nella ricerca della verità il suo tic all’occhio sinistro e l’indolente appuntato Varcone. Mentre antiche ruggini e velenose dicerie serpeggiano ovunque, Maisano sarà costretto al viavai “lungo linea”, e a spingersi nella fitta boscaglia, sulle colline rifugio di latitanti e donne coriacee, inseguendo la sanguinosa pista dell’onore. Anche Gennaro Loiacono, il venerando caposquadra degli operai del cantiere ferroviario, prenderà parte alle indagini, nella speranza che i suoi uomini si tengano lontani dai guai.

Recensione a cura di Massimo Ghigi

Il romanzo “L’onore e il silenzio” di Gianni Mattencini è un noir d’altri tempi sia nello stile di scrittura che nella tematica e nel periodo di ambientazione e questa mia osservazione vuole essere un elogio e una segnalazione di merito.

Il linguaggio usato dall’autore è come una carezza per il lettore, proprio questo modo di usare la lingua italiana fa sì che, alcuni tratti del racconto e alcune descrizioni di ambienti e stati d’animo, diventino delle piccole gemme di poesia! Le prime pagine che descrivono l’arrancare faticoso, a piedi lungo la linea ferroviaria, della moglie e del padre dell’ingegner Alessi – ognuno perso nei propri pensieri, nella propria sofferenza interiore, in attesa di arrivare sul luogo del ritrovamento del corpo esanime del proprio caro – sono un biglietto da visita veramente notevole per la loro bellezza, al punto che il lettore quasi sente su di sé la stessa fatica e la stessa angoscia nel cuore.

Per qualcuno, libri come questo, potranno risultare troppo ‘lenti’ per l’incedere del racconto e per l’evolversi graduale della trama, scanditi dai dialoghi dei personaggi raramente sopra le righe e, talvolta, anche introspettivi, a dare enfasi ai conflitti interiori dei veri attori protagonisti della vicenda.

Due personaggi su tutti, profondamente diversi: il brigadiere Maisano, che si trova a dover sbrogliare una intricata matassa fatta di tradimenti e di vendette d’onore attorno all’assassinio dell’ingegnere Alessi, ritrovato orrendamente mutilato, e Gennaro Loiacono, caposquadra di un gruppo di operai presso un cantiere ferroviario, che si sente quasi un fratello maggiore se non proprio un padre, nei confronti dei propri sottoposti.

Veramente intense le pagine che descrivono questi due uomini, parole che ci permettono di condividere la frustrazione del brigadiere Maisano, che si sente inadeguato per il compito di investigatore che gli è stato assegnato, in mezzo ai boschi e a persone che difficilmente lo assecondano e lo aiutano nella sua indagine o ancora i sensi di colpa del caposquadra Loiacono, che viene messo suo malgrado a conoscenza di segreti che lo mettono in condizione di dover scegliere se tenere fede alla parola data o se fare la cosa che reputa giusta e cioè parlare con gli inquirenti.

Un altro protagonista del racconto sono i boschi, descritti ancora una volta magnificamente, quasi al punto da sentirne gli odori e i suoni, che mi hanno ricordato i bellissimi monti presenti in alcuni libri scritti a quattro mani da Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli.

È un libro che va letto con calma, godendo e assaporando parole e sensazioni pagina dopo pagina, fino ad arrivare al finale che non ti aspetti, nella sua semplicità e originalità, a sovvertire, quasi, le regole del genere.

Prosegue il percorso della Rizzoli nei meandri del ‘noir’ in tutte le sue sfumature; per quanto mi riguarda “L’onore e il silenzio” si conquista con merito un posto nella splendida collana ‘Nero Rizzoli’ così come Gianni Mattencini si guadagna un posto tra i più interessanti autori, esponenti del genere.

Alla prossima!

 

Dettagli

  • Genere: Noir
  • Copertina flessibile: 274 pagine
  • Editore: Rizzoli (23 ottobre 2018)
  • Collana: Nero Rizzoli
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 881710311X
  • ISBN-13: 978-8817103114

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.