Una ragazza cattiva – Alberto Beruffi

Trama

Un autogrill si trasforma nell’inquietante scena di un crimine con il ritrovamento del cadavere di una delle cameriere. Si tratta di Giulia Scarpanti, figlia minore di un noto avvocato di Mantova. È stata strangolata con una corda di chitarra e le hanno messo della colla ai lati della bocca, per farla apparire sorridente. Le pareti del locale sono tappezzate di poster degli anni Ottanta e accanto al corpo viene ritrovato un piccolo carillon a forma di jukebox, che diffonde una melodia in tema con la messinscena. I macabri particolari ossessionano Mattia Manfredi, musicista dal passato tormentato, e lo inducono a collaborare con la squadra investigativa di cui fanno parte l’ispettore Marco Pioggia e Lara Tarantino, criminologa italoamericana esperta di serial killer. Ma i tre devono agire in fretta. L’assassino, ispirato dalle torbide vicende del collegio di Santo Spirito, sta per colpire ancora.

 

Recensione a cura di Elio Freda

Il romanzo di esordio di Alberto Beruffi è strutturato con l’avvicendarsi di due storie avvenute a distanza di tempo tra loro, per cui il lettore rimbalza tra un antefatto e la storia attuale. Non è semplice creare una sorta di “doppio romanzo” riuscendo a catturare l’attenzione del lettore, ma l’autore ci riesce benissimo attraverso una scrittura asciutta e diretta che dona un ritmo serrato alla narrazione.

Se da un lato all’inizio si “soffre” la moltitudine di personaggi per paura di dimenticare qualcosa, man mano che la storia progredisce questa sensazione viene meno, complici anche gli sviluppi della vicenda. La colonna sonora che accompagna lo svolgimento dei fatti, riporta indietro nel tempo chi come me (ahimè, l’età avanza…) quegli anni li ha vissuti, riuscendo ad aumentare l’empatia del lettore nei confronti della trama stessa.

Forse, in alcuni passaggi, la ricerca del colpo di scena o la costruzione dell’enigma, che si cela dietro l’omicidio, appaiono un tantino forzati, ma questo rientra nel gusto personale di ciascun lettore.

Il personaggio principale, l’ispettore Marco Pioggia, poteva secondo me distaccarsi dallo stereotipo classico del poliziotto solitario e ombroso con un crimine irrisolto alle spalle. Questo avrebbe, a mio modo di vedere, aggiunto originalità e freschezza al protagonista, anche perché non ho trovato una stretta necessità nella storia di una figura con tali caratteristiche.

Queste considerazioni personali nulla tolgono ad un romanzo godibile e indicato soprattutto per chi ha la passione per gli anni ’80.

 

Dettagli

  • Genere: Thriller
  • Copertina rigida: 442 pagine
  • Editore: Newton Compton (11 Ottobre 2018)
  • Collana: Nuova narrativa Newton
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8822723023
  • ISBN-13: 978-8822723024

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.