Il ritorno del Marinero. Le indagini del commissario Bertè – Emilio Martini

Trama

Lungariva, Liguria, un nuvoloso pomeriggio di novembre: a bordo di una barca a vela viene trovato il cadavere di Sebastian Scettro, detto il Marinero: tre proiettili gli hanno spaccato il cuore. Appartenente a una facoltosa famiglia, il Marinero se n’era andato per mare nove anni prima su un piccolo sloop nordico, facendo perdere le sue tracce. Chi, o che cosa, l’ha riportato a casa, concedendogli solo poche ore prima dell’incontro con la morte? Di certo, come può constatare Gigi Berté, Sebastian non aveva lasciato un buon ricordo: con i fratelli i rapporti erano pessimi, frequentava pregiudicati e spacciatori, e aveva persino ricevuto una denuncia per stupro. A quanto pare, solo l’anziana nonna non aveva mai smesso di volergli bene e di aspettare il suo ritorno. Un caso complicato per il commissario aspirante scrittore, che lo porta ad affrontare, con la bravura di sempre e con rinnovato sconcerto, l’uccisione di un uomo. E se da una parte vorrebbe «fuggire» a Milano dove l’attende un’allettante offerta in questura, dall’altra la Marzia e la sua squadra a cui è sempre più affezionato lo tengono legato a questo strano paesino che da fuori sembra un’isola felice ma che, come ogni altro luogo, nasconde il seme del male.

Recensione a cura di Dario Brunetti

Settimo romanzo della serie dedicata alle indagini del commissario Bertè, torna cosi Emilio Martini ovvero le sorelle Elena e Michela Martignoni.

Il commissario con il lungo codino è impegnato sempre a Lungariva nell’omicidio di Sebastian Scettro detto il Marinero, trovato cadavere in una barca a vela, assassinato con tre proiettili al cuore.

Sebastian Scettro non ben visto dai suoi fratelli e appartenente ad una famiglia facoltosa aveva scelto una vita lontano da Lungariva e da tutti, fino a scomparire per ben lunghi nove anni a bordo di un piccolo sloop nordico, frequentava brutti ambienti della malavita e pendeva sulla sua testa un’accusa di stupro.

L’unica persona affezionata a Sebastian è sua nonna che ha sempre creduto in lui nonostante le avversità e non accetta il fatto che il ritorno del nipote non è proprio dei migliori visto che viene assassinato.

Chi covava tanto odio nei confronti di quest’uomo da volerlo uccidere?

Al commissario Bertè viene affidata questa ennesima indagine, piena di segreti, di amori nascosti e mai rivelati, gelosie e persino tradimenti, per non parlare di rancori famigliari.

Dopo l’ambientazione suggestiva di Capri del precedente romanzo, che aveva spiazzato i lettori entusiasmandoli ancora una volta, si ritorna a Lungariva e il canovaccio rimane più o meno sempre quello. Forse ci vorrebbe qualche novità che smuova le storie legate a questo personaggio fin troppo riuscito, a cui il lettore è affezionato già da tempo, ed eccola qua se qualcuno era in pensiero; quella che mette il commissario Bertè davanti ad una scelta importante: rimanere a Lungariva o tornare a Milano dove una proposta difficile da rifiutare lo attende alla Questura?

Un giallo gradevole con una nuova carrellata di personaggi che rendono la storia intrigante e con i soliti protagonisti, su tutti Marzia sempre piena di cure e attenzioni amorevoli nei confronti del buon Bertè, interessato a far luce sulla vita di Sebastian Scettro; ancora una volta cosa succede nella mente di una persona per arrivare a macchiarsi di un delitto?

Anche se un colpevole è consegnato alla giustizia, Bertè manifesta sempre quel senso di malinconia ed un coinvolgimento quasi totale nel prendere atto della sconfitta della persona a compiere quel gesto, non si può essere eccessivamente buonisti ma non si può essere totalmente indifferenti quando ci sono destini in ballo soprattutto di quelli che commettono un’azione delittuosa come quella avvenuta in questo romanzo, così il protagonista è spinto forse in quella rassegnazione nel comprendere la mente umana e le debolezze dell’animo.

L’apatia del commissario non manca mai come neanche il suo discreto fascino, ma ai lettori piace così!!!

E così sia!!!

 

Dettagli

  • Genere : Giallo
  • Copertina flessibile: 238 pagine
  • Editore: Corbaccio (5 Luglio 2018)
  • Collana: Narratori Corbaccio
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8867004344
  • ISBN-13: 978-8867004348

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.