Oggi parliamo con… Luana Troncanetti

A cura di Miriam Salladini

Buongiorno Luana e benvenuta nel nostro blog. Siamo felici di ospitarti e conoscerti un po’ meglio. Per iniziare l’intervista parlaci di te e delle tue passioni.

– Quando hai iniziato a scrivere? Da bambina avevi la stessa passione che hai oggi per la scrittura?

Grazie a voi, felice di essere qui! Scrivo da poco tempo, ho pubblicato il mio primo libro nel 2007, un divertente esorcismo al mestiere di genitore che mi ha regalato enormi soddisfazioni. Potrei rispondere alla seconda domanda mostrandoti il mio ultimo diario scolastico: è pieno zeppo di disegni. Da bambina sognavo di colorare il mondo con i pennelli, oggi provo a fare la stessa cosa con le parole.

– Quanto tempo hai impiegato per scrivere “Silenzio”?

È difficile da quantificare, l’ho concepito nei ritagli di tempo e la stesura ha subìto diversi stop. Più o meno sei mesi, al netto della documentazione necessaria per non scrivere eresie: ho scomodato la Scientifica di Roma per scoprire se fosse possibile estrapolare DNA da una pozza di vomito, chiesto consulenze a un’amica avvocata e a un tassista, ottenuto di visitare un commissariato – proprio quello descritto nel romanzo.

– Scrivere è un modo per parlare di te o suggerire qualcosa agli altri?

Continua a leggere