La donna del taccuino rosso – Antoine Laurain

Trama

Una molletta per capelli, una boccetta di profumo Habanita, qualche vecchia fotografia, una bottiglia di Evian da mezzo litro, un fermaglio con un fiore di stoffa azzurro, una penna a sfera Montblanc nera, un paio di dadi rossi, tre sassolini sicuramente raccolti in luoghi significativi, un romanzo di Patrick Modiano con dedica, un portachiavi dorato con incisi alcuni geroglifici, un accendino, una ricetta delle animelle di vitello strappata da una rivista femminile, un burrocacao, una bustina di Efferalgan, un taccuino rosso con annotata una lunga lista di “Ho paura…” e una di “Mi piace…” Ecco cosa può esserci nella borsa di una donna, ed ecco cosa c’è in quella color malva che, un mattino, il libraio Laurent trova abbandonata su un marciapiede nelle strade di Parigi. La proprietaria, aggredita e rapinata da un ladro la notte precedente, si è rifugiata in un albergo poco distante. Prende una camera e si addormenta, convinta di non aver bisogno di cure. Il giorno successivo, però, il concierge la trova in coma e chiama subito i soccorsi. Contemporaneamente, Laurent comincia a sfogliare il taccuino della donna misteriosa. Rimane affascinato dai suoi pensieri, si perde fra annotazioni, sogni e ricordi. Gli sembra una pazzia, ma decide di cercarla. Da dove cominciare, però? L’unico indizio a sua disposizione è la dedica di Modiano, un vago “A Laure, in ricordo del nostro incontro sotto la pioggia” scarabocchiato sul frontespizio.

Recensione  a cura di Stefania Ghelfi Tani

 

Laurain crea un breve e delizioso romanzo, un omaggio alla delicatezza e alla letteratura. Spuntano infatti dalle pagine del suo libro i nomi di Tabucchi, Borges, Proust, Nothomb.

Una vicenda semplice, quasi banale viene raccontata in modo scorrevole e coinvolgente, un “giallo cortese” che si dipana tra le pagine di un taccuino, il contenuto di una borsa e i muri di una casa che parlano della proprietaria, profilando l’immagine di una sconosciuta. Leggere pensieri ed osservare oggetti per trovare il corpo di un’anima che si delinea poco alla volta.

Il protagonista Laurent (assonanza col cognome dell’autore) e Laurie si cercano e si ricercano come detective in tempi e modi differenti. L’aiuto di una figlia, la presenza di un collega amico, i non detto, i fraintendimenti, un gatto socievole, un’amante, un marito che non c’è più, un’aggressione sono tessere del mosaico che permetteranno di delineare il disegno.

La narrazione è raffinata, piacevole, nostalgica. Una sorta di favola a lieto fine, che mai capiterà ma che ci fa tanto piacere leggere e credere possa succedere.

C’è un po’ di passato incanto a colorare la trama di questa storia, come le lamine d’oro dei lavori di Laure, come i fiabeschi nomi delle antiche librerie di Parigi

Consigliato!

Dettagli

 

  • Copertina flessibile: 164 pagine
  • Editore: Einaudi (19 gennaio 2016)
  • Collana: Super ET
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8806229044
  • ISBN-13: 978-8806229047

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...