Non fidarti di Peter Pan – John Verdon

Trama

Dave Gurney, pluridecorato poliziotto del NYPD ora in pensione, non rinuncia di tanto in tanto a interessarsi a qualche caso apparentemente senza soluzione – provocando le ire della moglie, che lo vorrebbe impegnato in attività meno rischiose. Ma ci sono tentazioni a cui è impossibile resistere, e per Gurney il pericolo è una di queste. Stavolta, è alle prese con l’omicidio di Carl Spalter, candidato al posto di governatore dello stato di New York, freddato mentre pronunciava il discorso funebre al funerale della madre. Omicidio per cui è stata ingiustamente condannata sua moglie – una sentenza che appare chiaramente pilotata. Ma il caso è tutt’altro che chiuso e, come scoprirà ben presto Gurney, la posta in gioco tutt’altro che bassa: perché là fuori c’è il vero colpevole, qualcuno che, protetto dall’anonimato, è deciso a colpire ancora. E Gurney arriverà molto presto a seguirne le tracce, scoprendo un nemico diabolicamente intelligente, che viene da molto lontano, e ha un insolito soprannome: Peter Pan. Un assassino talmente scaltro che per il poliziotto l’unico modo per fermarlo sarà diventare il suo prossimo bersaglio.
Come sempre nei thriller di John Verdon il lettore è in ottime mani: tra colpi di scena e ribaltamenti della trama, sorprese e momenti di tensione pura, Non fidarti di Peter Pan è un’unica, vertiginosa corsa verso lo spiazzante finale. Una corsa che vi lascerà senza fiato, non importa quanto siate allenati.

 

Recensione a cura di Elio Freda

 Dopo aver letto una sinossi del genere pensereste di avere una bomba tra le mani pronta ad esplodere da un momento all’altro. La realtà è che non è così. Avete investito circa 20 euro e vi aspettano 513 pagine piene di tensione e colpi di scena o almeno questo è quello che vi aspettate ma… Non fidarti di Peter Pan.

Più che un titolo sembra un monito. Avrei dovuto analizzare più attentamente la sottigliezza e non correre in cassa felice per aver preso un altro libro dell’autore de “L’enigmista”. Il personaggio di Dave Gurney è ben tratteggiato e se non avete letto gli altri libri può anche colpire. Viceversa è un uomo che è andato in pensione ma pur di stare lontano dalla sua amata consorte (per altro se per svariate pagine non si affronta altro argomento che la costruzione di un pollaio, io lo capisco) si occupa di casi in cui deve assumersi dei rischi che neanche il presidente degli Stati Uniti conosce. Nel libro in questione ci sono diverse cose che non mi sono piaciute, a partire dalle elucubrazioni per dimostrare una cosa evidente, ovvero che l’accusata è stata incastrata. Non occorrerebbero ma diciamo che fanno parte del personaggio. La storia poi prende una strada sempre più impervia al punto che al culmine delle cose compare un qualcosa dal nulla (che non svelo per non rovinarvi la lettura) per dare un senso alla storia. Anzi ve lo dico perché è scritto nella sinossi: appare Peter Pan.

Dave diventa il suo bersaglio, qualche pagina di azione in puro stile americano e una morale da favola per bambini. C’è di meglio in giro da portare sotto l’ombrellone e non dite che non eravate stati avvisati. Leggi altro, non fidarti di Peter Pan.

 Dettagli

  • Copertina rigida: 513 pagine
  • Editore: Piemme (1 marzo 2016)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8856642034
  • ISBN-13: 978-8856642032
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...