Le donne che fecero l’Impresa: Nessun pensiero è mai troppo grande – Autrici varie

Trama

Emilia, Romagna, Bologna, quali sono le prime cose che vi vengono in mente sentendo pronunciare queste tre parole? Università, quindi cultura, eccellenza nel cibo e nell’industria. La nostra è una regione industriale, molti dei marchi che hanno portato e continuano a portare la fama e il prestigio dell’Italia nel mondo sono nati qui e qui hanno prosperato. E quando si parla di industria, di capitani d’industria, di cavalieri del lavoro, di solito si parla di uomini, che con la loro inventiva e il loro lavoro hanno reso possibile tutto questo. E le donne? Che ruolo hanno avuto le donne nell’industria? Di loro non si parla mai, come se non fossero esistite, relegate a ruolo di comprimarie o nell’ombra dei mariti dietro ai quali, come da proverbio, possono trovare la loro grandezza. Assieme ad alcune scrittrici ci siamo impegnate in una ricerca e abbiamo scoperto che non è così, in realtà molte delle industrie presenti sul nostro territorio sono state o direttamente fondate da donne, o ispirate dalle donne della famiglia, oppure portate avanti e fatte prosperare dalle mogli dopo il decesso dei mariti industriali. “Le donne che fecero l’impresa”: impresa come società ma anche come duro lavoro per affermarsi in un mondo prettamente maschile.
Come avrebbe potuto nascere la Max Mara se il Cav. Achille Maramotti non fosse cresciuto avendo come esempio la madre Giulia Fontanesi Maramotti, fondatrice di una scuola di modellistica? Che ne sarebbe stato della Minganti se Gilberta Gabrielli Minganti non ne avesse preso saldamente le redini alla morte del marito? E cercando nella storia ne troviamo tante: Ada Masotti, fondatrice de La Perla, e più indietro nel tempo Elisabetta Sirani, che fondò addirittura una scuola di pittura per donne in un’epoca in cui alle stesse era negato l’accesso alle arti. E molte altre ne abbiamo trovate in tutti i settori dell’eccellenza industriale del territorio, dal forno di Stella Rigosi Pedrazzi ai pizzi della Aemilia Ars della Lina Bianconcini Cavazza, dai cappelli di Isotta Zerri all’organizzazione delle lavoratrici di tabacco di Anna Quintavalla, dal ristorante di Carla Cenacchi all’atelier delle Sorelle Fontana, fino alla scuola guida di Luciana Gatti Emiliani. Queste sono solo alcune, ma ci vorrebbero diversi volumi per elencare tutte Le Donne che fecero l’Impresa.

Recensione a cura di Rita Colombo

Dodici brave autrici (Fosca Andraghetti, Katia Brentani, Marta Casarini, Carla Cenacchi Bacchelli, Maria Genovese, Sabrina Leonelli, Lorena Lusetti, Sara Magnoli, Cristina Orlandi, Francesca Panzacchi, Alba Piolanti, Rosalba Scaglioni,) per dodici affascinanti racconti raccolti in un’antologia dedicata a donne emiliane romagnole che hanno fondato o ispirato aziende e a vedove che hanno continuato ed accresciuto le attività del marito imprenditore. Quando si parla di capitani d’industria ci si riferisce quasi sempre a uomini, dimenticando il ruolo primario ricoperto dalle signore nello sviluppo industriale.

Donne coraggiose, tenaci, guidate dalla passione e con la capacità di rompere gli schemi conformistici della loro epoca come le protagoniste di questa antologia: Elisabetta Sirani, Isotta Zerri, le sorelle Fontana, Gilberta Minganti, Carla Cenacchi Bacchelli, la Contessa Lina Bianconcini Cavazza, Stella Pedrazzi, Ada Masotti, Anna Quintavalla di Zibello, Giulia Fontanesi Maramotti, Luciana Gatti Emiliani.

In un’epoca in cui la società riservava loro il ruolo esclusivo di mogli e madri queste imprenditrici sono andate oltre le convenzioni sociali, senza mai dimenticare di essere donne.

“Nessun pensiero è mai troppo grande” è il sottotitolo di questa antologia. Una frase da ricordare ogni giorno perché “ogni tempo, anche il peggiore offre un’opportunità di realizzazione individuale e collettiva.  Questo libro ci ammonisce a non dimenticare da dove veniamo. Perché se perdiamo il filo della memoria, nessuna tecnologia ci verrà in soccorso. Perché una parola scritta sul web, non sarà mai bella come una pronunciata. E solo una parola ascoltata, potrà essere scritta. Come la vita delle donne che fecero l’Impresa”.

Consigliato!

Dettagli

 

  • Copertina flessibile: 148 pagine
  • Editore: Edizioni del Loggione; Prima edizione (20 marzo 2016)
  • Collana: Agrodolce
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8893470004
  • ISBN-13: 978-8893470001
  • Disponibile ebook Kindle

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...