Oggi parliamo con… Livia Sambrotta

L’ospte di oggi ha pubblicato di recente “Amazing Grace”. Leggiamo come si racconta nell’intervista curata da Alessandro Noseda

 

Ci racconti di te?

 

Ho sempre saputo di voler scrivere, la letteratura è una dimensione nella quale mi sento a mio agio e mi fa comprendere facilmente il mondo. La realtà può funzionare se si trovano le parole adeguate per descriverla, la prima volta che l’ho pensato avevo sei anni e tenevo tra le mani un giallo di Agatha Christie!

 

Come nascono le tue storie?

 

Avendo scritto un noir molte persone potrebbero aspettarsi che il romanzo nasca da un episodio doloroso o da una condizione sociale difficile, invece a me accade l’esatto contrario. A muovere i miei libri è soprattutto il senso di liberazione a cui si può approdare quando si vivono fino in fondo certe brutte storie. Amazing Grace è nato transitando all’interno di un Centro Commerciale. Intorno a me vedevo una realtà innaturale e opprimente, ma la domanda che mi sono posta è come possiamo sfuggire a tutto questo?

 

Quanto rubi alla fantasia, quanto ad altri autori e quanto alla realtà?

Continua a leggere

L’angolo di Dolcepentolina

Cosa bolle in pentola oggi? Vediamo un po’ come saprà deliziarci oggi il nostro chef sempre in cucina!
GNOCCHI DI RICOTTA E ORTICHE
200 gr di cime di ortica, 400 gr di ricotta fresca, 250 gr di farina di farro, 2 uova,sale pepe, 8 foglie di salvia, 100 gr di noci
Sbollentare le ortiche per 5 min e strizzarle poi tritarle finemente e unirle alla ricotta e alla farina (tenere 50 gr  a parte per spolverizzare i gnocchi)Unire le uova sale pepe e amalgamare il tutto.Sbollentarli in acqua calda e appena saliti a galla scolare i gnocchi.Condire con il sugo delle noci sbriciolate nell’olio e salvia appena aromatizzata.A piacimento spolverare con il grana..

Continua a leggere

Ti consigliamo un film (tra una pagina e l’altra)

Nessuno si salva da solo

Scheda curata da Stefania Tani

 

Il film di Sergio Castellitto, tratto dal romanzo della moglie Margaret Mazzantini, appare come la biografia di un amore fatto di passione e dolore, un ritratto che rispecchia sempre più spesso la realtà attuale.

Si scava ferocemente nel rapporto di una coppia che non è più in grado di essere tale, che dopo un grande amore vive una dolorosa e rabbiosa separazione, senza sapere bene come è arrivata alla rottura, dove ha sbagliato. Un storia forte e intensa che ci presenta sentimenti sezionati, rabbia trattenuta e al tempo stesso lanciata addosso con la ferocia del dolore che attanaglia anime rassegnate e ferite. Delia e Gaetano, i due protagonisti, non hanno saputo proteggere il loro amore. La separazione è frutto di giorni, mesi, anni di cambiamenti, logoramento, di un lento disfacimento del tessuto che li aveva legati.

Continua a leggere

Oggi parliamo con… Kristian Fiore

Incontriamo lungo il lago del Segrino (Como) Kristian Fiore, promettente “penna gialla” lariana. Intrevista a cura di Alessandro Noseda

 

. Buongiorno Kristian e grazie per l’accoglienza. Ci racconti chi sei e perché leggi  e scrivi?

Grazie a voi per l’opportunità. Nella vita sono un venditore di autocarri, marito e padre di due splendidi bambini.

Fin qui niente di speciale ma ho da sempre la passione le belle storie. Adoro leggere e soprattutto impazzisco per i gialli.

Il passaggio dalla lettura alla scrittura non è scontato ma so per certo che intorno ai 25 anni ho iniziato ad essere insofferente nei confronti dei romanzi che leggevo e a voler dare io un indirizzo alle storie e agli avvenimenti.

Così ho iniziato a scrivere. Prima racconti che nessuno ha mai letto e sono stati frettolosamente cestinati dal sottoscritto. Poi storie più strutturate che non ho ancora finito, e infine nel 2010 ha visto la luce “Stalking” il mio primo romanzo. Rotto il ghiaccio non voglio ma soprattutto non riesco più a fermarmi.

. I tuoi romanzi, come nasce l’idea?

Non parto mai con delle idee preconcette. I miei romanzi nascono con i personaggi, con i loro desideri e i loro difetti. Non so per certo dove la storia mi condurrà.

Continua a leggere

Uccidi il padre – Sandrone Dazieri

Trama

Un bambino è scomparso in un parco alla periferia di Roma. Poco lontano dal luogo del suo ultimo avvistamento, la madre è stata trovata morta, decapitata. Gli inquirenti credono che il responsabile sia il marito della donna, che in preda a un raptus avrebbe ucciso anche il figlio nascondendone il corpo. Ma quando Colomba Caselli arriva sul luogo del delitto capisce che nella ricostruzione c’è qualcosa che non va. Colomba ha trent’anni, è bella, atletica, dura. Ma non è più in servizio. Si è presa un congedo dopo un evento tragico cui ha assistito, impotente. Eppure non può smettere di essere ciò che è: una poliziotta, una delle migliori. E il suo vecchio capo lo sa. Per questo le chiede di lavorare, senza dare nell’occhio, al caso e la mette in contatto con Dante Torre, soprannominato “l’uomo del silos”, un esperto di persone scomparse e abusi infantili. Di lui si dice che è un genio, ma che le sue incredibili capacità deduttive sono eguagliate solo dalle sue fobie e paranoie. Perché da bambino Dante è stato rapito e, mentre il mondo lo credeva morto,

Continua a leggere

Update in ebook

A tutti coloro che fossero interessati, da oggi il libro “Generazione oltre la linea” di Sergio Messere è disponibile anche in ebook

Sergio mi ha svelato ho modificato anche alcune cose, misteri non svelati alla fine” (nella precedente edizione, n.d.c).

Se lo avete perso potete trovare la mia recensione nel blog e magari leggere direttamente la versione digitale.

In attesa di nuovi lavori, che dire? Buona lettura!!

 

L’angolo di Dolcepentolina

Nuove proposte dallo Chef del Blog!

TORRE DI PASTA RIPIENA CON SALSA DI CAROTE per 4 persone

320 gr di pasta fresca per lasagne, 6 carciofi, 300 gr dicarote, 80 gr di prosciutto cotto in un’unica fetta, una cipolla, 40 gr di ricotta, aglio, 40 gr di GRANA GRATTUGIATO, noce moscata sale pepe,olio

Pulire i carciofi e cuocerli in padella con l’aglio e l’olio e mezzo bicchiere d’acqua.Frullarli grossolanamente con la ricotta e il prosciutto,salare e pepare.Stendere il composto sulle lasagne e arrotolarle come delle girelle, avvolgererle nella pellicola e metterle in freezer per 10 min.Toglierle dal freezer e tagliare le rondelle abbastanza spesse.Pulire le carote e lessarle con la cipolla.Frullarle appena cotte aggiungere olio e noce moscata.Adagiare il sugo in una pirofila poi distribuire le rondelle e formare una piramide, spolverizzare con il grana e cuocere per 35 min a 180° avendo cura di coprirle con un foglio di alluminio, poi toglietelo e fatele dorare per altri 10 min

Continua a leggere

LA GIOSTRA DEI FIORI SPEZZATI – Matteo Strukul

Trama

Padova, inverno 1888. Nelle campagne infuria la pellagra, mentre in città le luci dei quartieri più signorili e ricchi stridono per contrasto con la bolgia del Portello, la zona più popolare e malfamata della città. Ed è proprio qui, al Portello, che al termine di una notte nevosa, viene ritrovato il cadavere straziato di una prostituta. L’ispettore Roberto Pastrello capisce che le sue forze non basteranno a risolvere il caso e decide di chiedere la collaborazione di due detective d’eccezione. Il giornalista investigativo Giorgio Fanton, massimo esperto del Portello, e il famoso criminologo Alexander Weisz, intuitivo, tormentato, affascinante. Da quando, bambino, ha trovato sua madre uccisa da un assassino misterioso, Weisz ha giurato che non avrebbe mai più permesso che a una donna venisse fatto del male. Ma il trauma dell’infanzia

Continua a leggere

Un sicario alla corte dei Gonzaga – Tiziana Silvestrin

Trama

Mantova 1588. Un efferato sicario si muove sicuro all’interno di Palazzo Ducale. Agisce nell’ombra e attenta più volte alla vita del duca Vincenzo Gonzaga, ma al suo posto muoiono degli innocenti. Chi può volere la sua morte e perché? Un antico nemico dei Gonzaga deciso a chiudere un conto in sospeso? Qualcuno determinato a far desistere il duca dal prendere parte alla crociata contro i turchi? Intano a Costantinopoli nell’harem del sultano la Favorita, con la complicità della giovane Neda, trama contro il sultano stesso. Solo il coraggio e l’acume di Biagio dell’Orso possono arrivare alla verità e trovare il mandante del sicario. Ma l’affascinante capitano di giustizia, in balia di un passato tornato a tormentarlo e oramai stanco dell’arroganza dei potenti, è diviso tra

Continua a leggere

Il bacio della bielorussa – Antonio Pagliaro

Trama

Due cadaveri ripescati da un canale non parlano. È questo il problema dell’ispettore van den Bovenkamp della polizia di Utrecht. Troppo tempo passato nell’acqua ha reso irriconoscibili i volti delle vittime, cancellato le impronte digitali. Restano solo il frammento di un tatuaggio e una misteriosa medaglietta, oltre a una testimone ben poco affidabile. Che i morti non parlano lo sa bene anche Franz La Fata, uomo d’onore e killer palermitano, irresistibile per le donne ma ben deciso a starne lontano perché “un soldato non s’innamora”. Finché, nel luogo più impensato, incontra Gaia, fragile, complicata e bellissima. Un ispettore stanco che presto si troverà di fronte un terzo cadavere e un assassino alle prese con un cuore che non sapeva di avere: vicende lontane, in due Paesi diversi, destinate però a intrecciarsi inestricabilmente. La pista di van den Bovenkamp lo porterà dai due sconosciuti annegati a una splendida ed equivoca bielorussa, Ludmilla Zamiatenko, mentre

Continua a leggere