Oggi parliamo con… Loredana Limone

L’ospite di oggi è Loredana Limone. Leggiamo come si racconta nell’intervista a cura di Alessandro Noseda.

 

Buongiorno e grazie per aver accettato l’invito. Ti va di raccontarci perché leggi e scrivi?

Ho iniziato a scrivere per esprimermi dove nessuno mi capiva, e poi non ho più smesso. Leggo per avere una vita parallela.

 

I tuoi romanzi, come nasce l’idea?

Da un’esigenza di evasione durante un periodo difficile.

Dove scrivi?

Nel mio studiolo, rosa, piccolo, costruito intorno a me.

 

Hai un “luogo del cuore” dove trovi ispirazione?

Borgo Propizio, un luogo dell’anima.

autore_LOREDANA_LIMONE

Carta e penna o direttamente p.c.?

Carta e penna, sono demodé.

 

Preferisci il silenzio o ami musica di sottofondo?

La musica che c’è dentro il silenzio.

 

“E LE STELLE NON STANNO A GUARDARE” (Salani) è la tua ultima fatica. Dove hai trovato spunto?

Si tratta del sequel di BORGO PROPIZIO (Guanda 2012-TEA 2013), scritto perché i personaggi avevano dell’altro da narrarmi.

 

Quanto prendi in prestito alla realtà e quanto è frutto della tua fervida fantasia?

I miei romanzi sono frutto di una fantasia intrisa di realtà, e di me. Lo scrittore deve necessariamente darsi perché il romanzo suoni vivo.

 

Come delinei i personaggi?

Si presentano a me spontaneamente, io li guardo, li ascolto e li racconto. Sto molto tempo con loro prima di scrivere.

 

Segui una scaletta o ti fai guidare dalla storia?

Come ti avranno sicuramente detto parecchi colleghi, la narrazione va da sé. Io dispongo solo di qualche elemento iniziale e del punto di arrivo.

 

Quali sono state le maggiori difficoltà nella stesura del romanzo?

Fortunatamente ho una scrittura abbastanza fluida. A bloccarmi è l’attività promozionale, che mi toglie concentrazione. Ma sono due momenti separati.

 

E del rapporto con Editor ed Editore cosa puoi dirci?

L’editor è importantissimo specie per l’esordio, la casa editrice è appunto… una casa.

 

Hai altri progetti in fieri?

Il terzo capitolo della saga di Borgo Propizio è in lavorazione editoriale, mentre io sto scrivendo il quarto che chiuderà i cerchi.

 

Se ti proponessero una sceneggiatura per un film? Saresti d’accordo o ritieni che i tuoi romanzi soffrirebbero nella trasposizione cinematografica?

Rispetto ai libri, i film appaiono più poveri, vero, ma bisogna considerare che sono sottoposti a un’altra tecnica, e soggetti a un’altra tempistica. Certa che un regista saprebbe come portare il mio romanzo sullo schermo al meglio, sarei naturalmente d’accordo, felice e lusingata.

 

Descriviti come lettrice?

Sono una lettrice a cottimo, ma sempre più esigente man mano che la mia scrittura cresce.

 

Quali libri compri? Hai un genere preferito o spazi a seconda del momento, dello stato d’animo?

I libri che portano buonumore; non quelli che tengono legato il lettore con il filo dell’alta tensione stretto al collo, ma quelli che li in­catenano scatenandone i sor­risi.

 

E se devi regalarlo, un libro, come scegli?

Come per me.

 

Un consiglio a un esordiente che ha la sua storia nel cassetto e non ha trovato ancora nessun editore interessato a pubblicarla?

Lo stesso ricevuto dal compianto Pederiali: avere pronto un romanzo inedito sul quale puntare e affidarsi a un serio agente letterario. Mi sconsigliò i racconti, che definì poco amati dagli editori.

 

Ti piace presentare i tuoi libri al pubblico?

Moltissimo, ancorché costituisca la prova del nove. Fortunatamente vengo accolta con affetto.

 

Un autore (o più) che costituisce per te un benchmark. E perché? Se ti va, ponigli il quesito che da tempo hai in mente! Magari è tra i lettori del Blog!

Andrea Vitali, senza dubbio! Gli ho già posto tutti i quesiti alle presentazioni che seguo spesso e volentieri.

 

Quale suo libro consiglieresti ai nostri lettori?

Olive comprese (Garzanti).

 

Grazie del tempo che hai voluto dedicarci. Prima di salutarci ti chiediamo, come consuetudine di Giallo e Cucina, di lasciarci con una ricetta ed una citazione!

 

La ricetta, a me cara perché la preparava mia madre, è:

Pasta e zucchine con le uova (per 4 persone)

600 g di zucchine, 350 g di pasta mista, 2 uova, grana grattugiato, olio extra vergine d’oliva, sale.

Lavare e spuntare le zucchine, eventualmente sbucciarle (si otterrà un gusto più delicato), poi tagliarle a cubetti. Lessarle in poca acqua salata e schiacciarle accuratamente con la forchetta. Aggiungere un paio di bicchieri d’acqua calda e portare ad ebollizione. Versarvi la pasta e farla cuocere a fuoco vivo finché l’acqua non sia quasi completamente assorbita. Ultimata la cottura della pasta, spegnere il fornello e versare nella casseruola le uova precedentemente sbattute girandole con delicatezza. Lasciar mantecare. Regolare di sale, spolverare di grana e servire.

 

La citazione, che costituisce la morale di Borgo Propizio, è: Osa essere te stesso e non sarà poi così dura!

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...