Lotto 25. Chi ha ucciso Annarella Bracci? – Riccardo D’Anna

Trama

“Storie dimenticate, rimosse: ferite sulla pelle di un Paese con tanti morti ammazzati, qualche capro espiatorio ma nessun colpevole. Ovunque si ascoltava la litania del benessere, un canto di sirena, col termometro infilato sotto al braccio: mentre saliva la febbre della disuguaglianza, dentro antichi retaggi della lotta di classe e rivolte imminenti, fino agli anni di Piombo.” Il parco intitolato ad Anna Bracci è una spianata desolata, un rettangolo irregolare dove la polvere sembra voler soffocare i ciuffi d’erba, cresciuti qua e là senza una logica. Due file di panchine, una di fronte all’altra, sorvegliano un’altalena. Tutt’intorno muri butterati dal silenzio e dai graffiti, divorati dal sole: Primavalle. Non c’è persona che abiti qui che non conosca il primo grande caso di cronaca nera del secondo dopoguerra. La storia del “mostro di Primavalle” e di Annarella, la bambina gettata in fondo a un pozzo dopo un tentativo di violenza sessuale. Gli anziani del quartiere ne parlano ancora, abbassando la voce e togliendosi il cappello in segno di rispetto e scuotendo il capo, lentamente, perché dal 1950 ad oggi il caso è ancora sostanzialmente irrisolto, perché dal 1950 ad oggi Annarella non ha ancora conosciuto pace e giustizia, perché Primavalle è un ubriaco dalla sbronza triste, senza denaro in tasca e che non parla. Lei, che abitava al lotto 25, a duecento metri dal parco che porta il suo nome, in quella borgata ai confini della città che oggi è divenuta il quartiere della droga…

 

Recensione

Gran bel romanzo questo di Riccardo D’anna, il quale al fine di ricostruire l’oscuro mistero che tutt’ora rimane insoluto circa la morte della piccola Annarella Bracci, ci regala uno spaccato di quella Roma che è stata e che ora non è più. Sembra quasi di sfogliare un album fotografico in cui i vari protagonisti, ritratti con piccoli tratti di penna brevi quanto efficaci, raccontano la storia attraverso la loro storia, quasi come un gioco di scatole cinesi. Il fatto di cronaca che ha sconvolto Primavalle aleggia in tutto il romanzo sullo sfondo, mentre man mano le pagine prendono vita e raccontano attraverso personaggi semplici e allo stesso tempo unici, le caratteristiche economiche, politiche e sociali del quartiere popolare romano. Il caso di Annarella Bracci è poi affronato in maniera asettica, senza giudizi, limitandosi alla cronaca degli eventi e a una ricostruzione dei fatti per quanto questi risultino ancora confusi.

Romanzo storico, purtroppo sempre troppo attuale.

Dettagli

  • Copertina flessibile: 208 pagine
  • Editore: Perrone (30 aprile 2013)
  • Collana: Hinc
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8860042801
  • ISBN-13: 978-8860042804
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...