Aut-aut – Gabriele Santoni

Trama

Matteo è un militante di Rifondazione Comunista. Fresco di laurea, dopo aver lavorato in un call center, riesce ad ottenere un contratto a tempo indeterminato in un centro di accoglienza per immigrati in condizione di emergenza abitativa. Il lavoro è squallido e dequalificante ma fuori da lì la prospettiva è un sicuro precariato. Fino a quando Enrico, il suo migliore amico, politico dalle indiscusse abilità affabulatorie, non gli propone un salto di qualità: entrare dalla porta principale nell’organico della Sorgenit, leader nel settore delle energie alternative, e accettarne compromessi e illecità. Matteo si troverà faccia a faccia con le decisioni più difficili della sua vita: abbandonare il partito, ingannare i suoi sentimenti nei confronti di una ragazza conosciuta da poco e che, suo malgrado, diviene una pedina nelle mani di Enrico, tradire la memoria di suo padre. Il tutto in nome di quelle regole del profitto contro le quali ha manifestato per tutta la sua vita.

Recensione

Prima o poi, arriva nella vita di tutti il momento di tirare le somme e di chiedersi se le aspettative, gli sforzi fino a quel punto, nell’ottica di ottenere una posizione di cui non se ne conosce nemmeno l’esatta dimensione, siano stati ripagati. Se la risposta è negativa, ci si interroga se effettivamente si ambiva a tale posizione o non ci si trovi in quella situazione perchè, vuoi o non vuoi, un figlio è pur sempre parte del vissuto di un genitore. Nella progenie si investe tempo e denaro, ma si va anche oltre tentando di migliorare, come se la vita di un padre non fosse stata all’altezza di quella che potrebbe essere la vita del figlio. Salvo poi, trovarsi a fare un lavoro edificante per la società che ci circonda, sognando la vita dei propri genitori.

Sto forse parlando del romanzo di Gabriele Santoni? Non proprio o meglio non solo, forse in parte. Non so se alcune delle idee espresse nel paragrafo precedente abbiano attraversato anche la mente dell’Autore. Il risultato di quello che ho vissutoo io leggendo il suo romanzo è quello che ho scritto.

Si potrebbero affrontare anche altri temi trattati come la politica, gli ideali che ci girano intorno, la società con la sua struttura organica, gli incontri che si fanno nella vita, l’analisi della vita degli altri….

C’è tanta roba di cui parlare in questo romanzo e questo è un bene. Ci sono pagine che descrivono il nostro vissuto in maniera dettagliata e coincisa, così come ce ne sono altre in cui troviamo le nostre idee oppure quelle opposte, secondo il punto di vista. C’è una storia, la madre ti tante piccole storie che vivono per tornare alle origini. Nell’ultima pagina c’è una lista di persone da colpevolizzare, in quanto hanno accompagnato, consigliato e spinto l’Autore ad andare avanti nel suo lavoro.

Mi permetto, con molta umiltà, di aggiungere il mio nome virtuale a quella lista con il seguente mandato di accusa: tentativo di divulgazione.

Votazione : 4/5

Dettagli :

  • Copertina flessibile: 150 pagine
  • Editore: Perrone (27 maggio 2012)
  • Collana: Hinc
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8860042550
  • ISBN-13: 978-8860042552

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.