La mano sinistra del diavolo – Paolo Roversi

Trama :

A Capo di Ponte Emilia non accade mai nulla. Fino al giorno in cui il piccolo paese della Bassa Padana viene sconvolto dal ritrovamento di una mano mozzata nella cassetta delle lettere di un anziano pensionato. A Milano accadono molte cose, ma né la scomparsa del proprietario di un ristorante giapponese né il ritrovamento in un parco del cadavere di una ragazza riescono a sconvolgere il ritmo della città. Morti e misteri che piombano nella vita di Enrico Radeschi, intraprendente cronista di nera, che si trova, un po’ per caso e un po’ per mestiere, a condurre una doppia indagine tra le notti della metropoli lombarda e le sonnolente giornate della provincia. Cammina Radeschi, inseguendo storie che nascondono segreti del passato e violenze di oggi. Cammina Radeschi, perché dietro ad ogni notizia ci sono un mistero che chiede di essere svelato e una mano che tira le fila di tutto.

Recensione a cura di Alessandro Noseda

Come sapete, leggo molto e di tutto, anche se sono un appassionato di noir. Mi crederete, quindi, se vi dico che non è facile trovare un giallo così ben congeniato, costruito, credibile, reale. Paolo Roversi, Premio Camaiore 2007, è riuscito a coniugare la tensione narrativa, l’indagine poliziesca, il racconto storico con una trama complessa e per nulla scontata. Belli i personaggi, caratterizzati e resi palpabili dalla qualità della scrittura, eccellente l’ambientazione in questa immaginaria Vigata emiliana ed il dualismo guareschiano città-provincia, ottimo il ritmo  della narrazione che ipnotizza il lettore impedendogli di posare il libro finché la palpebra non ha il sopravvento. Mi auguro solo che l’autore voglia regalare un nuovo cellulare all’amico giornalista, ché riempia la nostra vita di nuovi articoli di cronaca nera! Da leggere.

Dettagli :

  • Copertina flessibile: 310 pagine
  • Editore: Ugo Mursia Editore (1 gennaio 1900)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8842542253
  • ISBN-13: 978-8842542254
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...