Requiem per la Ligera – Omar Gatti

Trama :

Milano 1952. Sul pavimento di un bar sono distesi quattro cadaveri. Un uomo, una donna e due bambini. Sono ciò che rimaneva della famiglia di Sciresa, il vecchio capo della ligera. Qualcuno ha voluto sferrare il colpo di grazia alla malavita milanese. Toccherà a Cinghei, uomo di fiducia di Sciresa, scoprire il mandante dell’esecuzione. Tra rapinatori di banche, ruffiani marsigliesi, mafiosi siciliani e frasi in dialetto meneghino. Omar Gatti trasporta sui Navigli milanesi la scrittura rapida e rabbiosa della scuola hardboiled di Hammet e Chandler,in un romanzo avvincente ed esplosivo come una scarica di mitra.

Recensione a cura di Alessandro Noseda

Trovate un posto comodo e leggete senza interruzione – vi ci vuole una giornata di relax, dedicata a voi – le 135 pagine di “Requiem per la Ligera”. Ora chiudete gli occhi e fatevi trasportare nella Milano anni ’50. Le strade non sono tutte asfaltate, molte col porfido, la maggior parte sterrate. Ascoltate lo stridere dei tram lungo i binari, sentite sulla pelle il nebbioso inverno meneghino ed inspirate l’aria fredda, grigia, umida e maleodorante dei Navigli. L’Italia è appena uscita umiliata dalla seconda guerra, dopo aver tradito il patto d’onore coi propri alleati. È stata depredata di ogni bene, messa in ginocchio, ridotta ad un cencio. Si lotta quotidianamente per sopravvivere, per sbarcare il lunario, per la michetta. Molti onestamente, parecchi no. Ma non per arricchirsi, come gli attuali delinquenti. Semplicemente per campare. La Ligera ha un codice d’onore, delle regole non scritte, un leader e tanti seguaci. Non si spara a vanvera, non si ammazza se non necessario, non si toccano bambini e donne, non si spacciano droghe, si divide il bottino, si aiutano i bisognosi. È un sogno romantico di solidarietà e giustizia che ricorda le vicende epiche del bosco di Sherwood. Solo che qui non siamo in Inghilterra, ma a Milano. Non si mangia il cervo della riserva del Re ma la busecca, la polenta vuncia, la cotoletta con l’osso. Entrate con la fantasia in queste osterie, così ben descritte e vivide. Sentite il caldo umido appannarvi gli occhiali e salirvi per le nari insieme all’odore intenso di cucina, del vino di giù (quello dei trani), il vociare dei vecchi che battono le carte (cinq e tre vot, scuva), il mix stantio di paletot umidi e scarsa igiene personale.

Non è “C’era una volta in America”, né “Il Padrino – parte I”, né “Gl’intoccabili”. È “Requiem per la Ligera”, un film italiano, per questo più forte, vicino, intenso. La Milano nera del dopoguerra, quella che è venuta molto molto prima di quella da bere, dei paninari, dell’Expò. Dietro questo racconto, lo si sia notato o meno, c’è un grande lavoro di studio e documentazione. L’Autore è un classe ’85; eppure è riuscito a ricostruire l’atmosfera del tempo come se vi fosse vissuto. Ho apprezzato molto la nota storica conclusiva. Come ogni grande romanzo parte da fatti e personaggi reali per rendere vivi e credibili  quelli della narrazione. E non è, credetemi, assolutamente facile.

Un accenno allo slang usato dall’Autore. Anche qui plauso a Gatti che ha saputo riscoprire un idioma ormai perso nella notte dei tempi. Anni ’50. Dopoguerra. Molti non sanno né leggere, né scrivere. La televisione non ha ancora unificato la lingua dello stivale. A Milano si parla il milanese. Con quell’accento forte ed inconfondibile e le vocali strette. E quei termini sintetici che sostituiscono una frase intera. “Ta set in prestit”, “Bauscia”, “Bagna giò”, “Cadrega”, “Biot”, “Maltrainsema”; “Malnat”.  Ora non lo sa più nessuno. Peccato!

Per concludere una nota negativa. Giusto per obiettività, benché libro ed Autore a me piacciano evidentemente e non faccia nulla per nasconderlo. Parecchi errori di stampa! Non inficiano la lettura, ma perché mettere un bel quadro in una cornice di recupero? Tagliamo un orecchio al tipografo? Come monito: la prossima volta starà più attento!

E voi che ne pensate?

Dettagli :

  • Copertina flessibile: 140 pagine
  • Editore: La Ponga (22 luglio 2013)
  • ISBN-10: 8897823084
  • ISBN-13: 978-8897823087

Dettagli ebook :

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 380 KB
  • Lunghezza stampa: 140
  • Editore: La Ponga Edizioni (30 luglio 2013)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00E92Z4CE

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...